martedì 8 settembre 2015

Recensione Contatto illecito di Pamela Clare (Serie I Team 3#)


Titolo: Contatto illecito
Autore: Pamela Clare
Genere: Romantic suspense
Serie: I Team 3#
Editore: Leggereditore
Data di uscita: 27 agosto 2015
Pagine: 287
Punto di vista: Terza Persona
Sensualità: alta

TRAMA: Presa in ostaggio da un assassino condannato durante un reportage in prigione, Sophie Alton non può sapere che l’uomo che le punta la pistola alla testa è il "cattivo ragazzo" che fu il suo primo amore al liceo. Condannato all’ergastolo senza condizionale, Marc Hunter è costretto a fuggire dalla prigione dopo aver saputo che sua sorella minore è scomparsa con il proprio bambino. Marc è dispiaciuto di dover coinvolgere Sophie ma non può lasciarsi sfuggire l'occasione di risolvere i problemi a modo suo: fermare a tutti i costi i funzionari corrotti che hanno deciso di distruggere ciò che resta della sua famiglia. La vicinanza con Sophie, però, riaccende i ricordi di entrambi. La passione tra i due aumenta sempre più mentre qualcuno complotta per mandare entrambi nella tomba…

Pagina facebook dell'Autrice
Sito Internet della Casa Editrice

COMMENTO: 

Se mi trovo in giro per Roma e mi prende un certo languorino vado da 200 gradi a Piazza Risorgimento per un panino che è un vero orgasmo, oppure in una delle pizzerie della famosa catena Alice. Se ho il ciclo e mi sento uno schifo vado a farmi una messa in piega dalla mia parrucchiera/amica/confidente Claudia e torno ad essere me stessa. Se mi sento triste, magari fuori piove, sgranocchio un paio di Kinder Bueno, un autentico rimedio alla malinconia. Insomma, ci sono quei punti fermi nella vita in cui poter sempre far affidamento.

Nel mondo romance Pamela Clare è una delle mie assolute certezze. Che scriva storici o rose crime non sbaglia un colpo. In questo terzo capito della serie I Team il talento dell'autrice e il suo retaggio di giornalista investigativa danno vita a una storia al cardiopalma.

Marc e Sophie si sono amati per una sola notte e tanto è bastato perché l'uno restasse nei ricordi dell'altra in maniera indelebile. Marc, però, proviene da una famiglia disadattata, con una madre tossicodipendente e sa che se resterà nella sua cittadina non avrà nessun futuro. Quindi si arruola nell'esercito dove farà carriera. Ma qualcosa va storto, lui viene accusato di omicidio e condannato all'ergastolo a vita.

Sophie da adolescente timida si è trasformata in una donna sicura di sé ed è diventata una giornalista apprezzata. Le sue ricerche sulla vita dei carcerati la porteranno a conoscere la sorella di Marc, che scompare all'improvviso con la sua bambina. Marc evade dal carcere prendendo Sophie come ostaggio e da lì in poi sarà un crescendo di suspense e di rivelazioni.

Come in ogni romanzo di Pamela Clare che si rispetti la parola d'ordine è sensualità. Non volgarità, non sesso sfrenato, o meglio, non solo questo, perché la Clare sa far lievitare il pane, per restare in tema mangereccio. Fa pregustare ogni bacio, ci crogiola nell'attesa della sospirata consumazione e quando avviene ci rende partecipi di ogni sensazione che provano i suoi protagonisti.

Devo ammettere che fino al colpo di scena mi sono chiesta più volte come la Clare sarebbe riuscita a salvare Marc, pensiero vuoto e inutile dato che il lieto fine è scontato, eppure è quello che ho provato durante la lettura: un senso di oppressione, come se mi trovassi in un vicolo cieco e non riuscissi ad uscirne.

Marc è un eroe alla Clare: non solo manzo da paura, ma soprattutto buono, leale e onesto e come in ogni suo romanzo, sono i buoni sentimenti a vincere.


Il mio giudizio è

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...