venerdì 14 agosto 2015

Recensione Vicini di letto di Gina L. Maxwell (Serie Fighting for Love #3)







Titolo: Vicini di letto
Titolo originale: Fighting for Irish
Autrice: Gina L. Maxwell
Serie: Serie Fighting for Love #3
Editore: Fabbri
Data di pubblicazione: 29 Maggio 2015
Pagine: 219
Punto di vista: Terza persona
Sensualità: Hot





Trama: Aiden, dopo un lungo viaggio in sella alla sua moto, arriva ad Alabaster, una cittadina sperduta e bruciata dal sole nel Sud degli Stati Uniti. Da quando ha abbandonato il ring, in seguito a un episodio che lo ha sconvolto nel profondo, sente di non aver più niente da perdere né legami che lo trattengano a Boston. Così ha accettato di spingersi fin laggiù per tenere d’occhio una ragazza e restituire in questo modo un favore a un caro amico. Nessuno però l’ha avvertito che Kat è bella da mozzare fiato. E oltretutto nei guai fino al collo. Mentre Aiden comincia a provare ogni giorno di più il desiderio di proteggerla e di stringerla a sé, nemmeno Kat è immune al fascino oscuro di lui e non può continuare a ignorare la passione che la consuma quando è al sicuro tra le sue braccia.Tuttavia Aiden sa che con lei deve andarci piano, perché Kat ha bisogno di tempo per abbandonarsi completamente e riuscire a superare i traumi della sua adolescenza e una minaccia incombente, che potrebbe costarle la vita. L’unico modo per salvarla è che Aiden salga di nuovo sul ring, anche se ciò per lui significa affrontare i fantasmi e gli incubi di quel passato che aveva giurato di non volere rivivere mai più. Ma questo è l’incontro da cui dipende il loro destino. Sottrarsi è impossibile, perché l’amore è troppo potente per lasciare posto alla paura.


Recensione di Vins:
Mi accodo ai vari commenti trovati in rete: anche secondo me questo terzo libro è il migliore della serie finora. Mi è piaciuto molto. Non uso toni entusiastici solo perché, date le premesse (ma considerato anche la svolgimento della trama), penso si potesse fare ancora meglio.

Il libro è un po' diverso dai due che lo precedono. Non nel senso che non è ad essi collegato, anzi: le mie due ipotesi alla fine del commento al libro precedente (protagonista femminile e tipologia della trama, che potete trovare qui) hanno avuto conferma.
La diversità sta nei temi trattati, decisamente più seri rispetto ai libri precedenti: se la stessa autrice ha scritto una nota all'inizio del romanzo per parlare di questo aspetto penso che sia appunto facile capirne l'importanza.

Temi trattati abbastanza bene, secondo me e vissuti da protagonisti all'altezza: forse è per questo che, se il primo l'avevo trovato carino ma troppo breve e il secondo era stata una mezza delusione, questo lo definisco tranquillamente bello.
Sui temi seri preferisco non dilungarmi troppo: alcuni sono per me particolarmente difficili da digerire e, come detto in altre occasioni simili, penso che ci siano vari modi per affrontare determinati problemi. Forse non c'è un modo giusto o sbagliato, ma si può solo giudicare il modo in cui vengono trattati in un libro, film ecc...
Direi che il lavoro dell'autrice in tal senso è stato buono: mi è sembrato tutto logico e coerente nel suo sviluppo.

Non mi dilungo neanche su un discorso fatto tante altre volte: il passato difficile rende abbastanza facile caratterizzare i protagonisti. Non è una cosa scontata, comunque, sicché anche questo è un merito dell'autrice, secondo me.

Difficile per me non affezionarmi ad un personaggio come quello della protagonista, Kat. Traumatizzata, piena di problemi eppure a suo modo "portatrice sana" di una buona dose di coraggio e soprattutto di una bontà d'animo di fondo, che gli orrori del passato non le hanno strappato del tutto.

Facilissimo per me immedesimarmi nel protagonista Aiden: nella sua lealtà, nel suo profondo senso di amicizia e nel suo istinto di protezione nei confronti di tutte le donne e di Kat in particolare.
Anche lui, inoltre, è un personaggio molto intenso e profondo a causa dei suoi problemi passati e di quanto tuttora influiscono sulla sua vita.

Non penso che la Maxwell sia una scrittrice di RS (romantic suspense): tuttavia la trama generale, collegata in modo così stretto a tutto il resto, compresa la storia d'amore tra i due protagonisti, è un qualcosa di sicuramente già letto in altri libri (romance e non) e visto in tanti film, ma che viene sviluppata in modo credibile, realistico e lineare senza nessuna voglia di strafare. Che insomma ci sia un bel po' di suspense e azione è abbastanza deducibile dalla sinossi.

Penso sia bello scoprire personalmente la nascita ed evoluzione della bellissima storia tra Kat e Aiden: non mi dilungherò quindi sugli ostacoli al loro lieto fine, anche quelli abbastanza tipici tra cose non dette e timori di non meritarsi la felicità.
C'è solo un punto che non mi ha convinto molto: senza svelare troppo, è una cosa che riguarda l'approccio di lui quando i due stanno per diventare più intimi.

Tra varie scene erotiche ben scritte che pongono il libro al limite dell'erotico, momenti molto intensi tra i due soprattutto per quanto riguarda le confessioni reciproche e l'introspezione sui propri sentimenti, si arriva ad un finale che ho trovato giusto ma che avrei allungato solo un po' per approfondire meglio alcuni aspetti famigliari di Kat.

Inutile dire che vorrei tanto che i prossimi libri fossero più simili a questo rispetto ai primi due.

Il mio voto è: 


La serie "Fighting for Love" di Gina L. Maxwell è finora così composta:

1. Seducing Cinderella (2012) - AMICI DI LETTO, maggio 2013 - Lucie Miller e Reid Andrews









2. Rules of Entanglement (2103) - NEMICI DI LETTO, novembre 2013 - Vanessa MacGregor e Jackson "Jax" Maris

3. Fighting for Irish (2014) - VICINI DI LETTO, maggio 2015 - Kat MacGregor e Aiden "Irish" O'Brien








4. Sweet Victory ( in fase di scrittura)



Nessun commento:

Posta un commento