martedì 15 settembre 2015

Virginia by night. Intervista poco seria a Virginia De Winter - Parte 2


Fare un'intervista a Virginia De Winter è una faccenda complicata.
Prima di tutto devi trovare delle domande decenti da farle, sembra semplice ma non lo è. Poi devi scriverle in italiano corretto perché con una che ti rigira il lessico come sa fare lei, il rischio figura da scema è in agguato, e poi devi aspettare. Aspettare. Aspettare...
Questo per una blogger normale. Io, che normale non lo sono mai stata, le avevo proposto di fare una chat perché la sottoscritta si annoia con le domande preimpostate e perché mi sembrava più divertente fare un dialogo, piuttosto di una Q/A. E ho aspettato...e aspettato...finché io e Virginia siamo riuscite a far combaciare gli orari e le stanchezze.
Così una sera ci siamo date appuntamento alle 21. Io ho guidato come una pazza dalla stazione per poter cucinare/mangiare/sparecchiare/caricare la lavastoviglie/pulire la cucina/farmi la doccia/accendere il pc in orario, lei - poveretta - si è ingoiata un pasto al volo perché era già in ritardo.

Il risultato è questa chat che non ha niente delle interviste serie che gli altri fanno e che ha l'unico merito di illuminare un lato divertente di Virginia che rimane bello nascosto e che non spunta fuori dai suoi romanzi.
Per quanto riguarda la sottoscritta è stato divertente. Probabilmente Virginia mi ha tolto dai suoi contatti di Facebook e d'ora in poi mi girerà al largo. Oppure sarà così gentile da mentire spudoratamente e dire che si è divertita.

Miraphora: Dolce o salato?
Virginia: Salato tutta la vita.

Miraphora: Disney o Pixar?
Virginia: Nessuno dei due e la Disney mi fa venire l'orticarica. No esagero, un attimo di silenzio che mi riprendo. Mi annoio un pochino con la Disney.
Miraphora: Mi vuoi dire che Up...WallE...io muoio ogni volta che guardo Up.
Virginia: Eh?
Miraphora: Non conosci nessuno dei due? Sto male.
Virginia: Dovrei? Sono ignorantissima nel merito.

Miraphora: Videogiochi o serie tv?
Virginia: Serie tv. Drogatissima. Malata seriamente.

Miraphora: Vino o birra? (da questa risposta ne va la mia stima)
Virginia: Bella domanda. Mi areno perché sono fedele a entrambi. Dipende dai giorni: in Inghilterra sempre birra.

Miraphora: Allora cambio vino/birra o super alcolici?
Virginia: Anche qui mi chiedi di scegliere tra affetti che hanno il medesimo posto nel mio cuore. Per una madre è dura. Cocktail direi.
Miraphora: Per andare sul sicuro si mischia.
Virginia: Un mojito fidel fatto come si deve sì.

Mirapora: Se ti dico Facebook, tu dici.
Virginia: Io dico fanghirlare.

Miraphora: Se ti dico MTV?
Virginia: Non guardo molta tv. Nel senso di palinsesti perché io maratono e basta.

Miraphora: Apple o altro?
Virginia: Altro. Io e le mele andiamo d'accordo solo quando sono verdi e vicine a un Martini.

Miraphora: Luce notturna o buio totale?
Virginia: Buio. Lasciatemi dormire pliz.

Miraphora: Stagione preferita?
Virginia: Estate, specie l'inizio a Giugno. Però purtroppo d'estate non pattinano.
Miraphora: Anche questa da morire evaporati?
Virginia: Sì. Mi piacciono tutte in realtà, Ma quella che per me significa sole e mare ha una nota in più.

Miraphora: Quindi se ti chiedo mare o montagna mi dici mare?
Virginia: Che è la montagna? Quella cosa con la neve dove vado a sciare d'estate non esiste.
Miraphora: Quelle cose appuntite...dove ci sono un sacco di pazzi che rischiano la vita in mezzo a rocce e dirupi...
Virginia: Io ci ho rimesso un ginocchio ma sull'onorevole altare di una pista in Gennaio. D'estate mare, sempre.

Miraphora: Tessuto preferito?
Virginia: Dunque, velluto e jersey. Cade addosso così bene

Miraphora: Mentre scrivi: musica sì o no?
Virginia: Ogni tanto. Mentre scrivo solitamente caos, tranne le parti in cui devo raccordare qualcosa.
Miraphora: Sei una di quelle persone che per concentrarsi deve fare contemporaneamente qualcos'altro? Tipo mangiare, masticare una gomma, ecc?
Virginia: Serie tv a manetta, mentre scrivevo la Chiave tutto Bones. Oppure lavoro in cucina con la gente che va e viene e chiacchiera e fa bordello. L'importante é che non parli con me.

Miraphora: Tra tutti i tuoi personaggi: il più capriccioso/a.
Virginia: In generale o con me?
Miraphora: La prima risposta che ti viene.
Virginia: Eloise. Umore imprevedibile.

Miraphora: Quello che mente di più.
Virginia: Uhm, difficile. Fammi pensare. Rafael Valance.
Miraphora: Interessante…
Virginia: Perché non ritiene che il mondo debba conoscere i suoi affari. Per lui non è nemmeno mentire, per inciso.

Miraphora: Il personaggio più sottovalutato?
Virginia: Da me o da i miei lettori?
Miraphora: Dagli altri personaggi, da te e dai tuoi lettori.
Virginia: Tiffany di Oscure Gioie. Ma non da me, io so di cosa è capace.

Miraphora: Il personaggio meno disciplinato?
Virginia: Axel e Sebastian Fane. Impossibile tenerli buoni.

Miraphora: Il personaggio più irritante?
Virginia: Axel, sempre lui.

Miraphora: La scena più difficile da scrivere?
Virginia: Dunque…L'epilogo di Black Friars. Mi fa ancora male.

Miraphora: Quella che volevi assolutamente scrivere?
Virginia: L'Ordine della Chiave e Oscure Gioie. Fatto e fatto.

Miraphora: Sei costretta - costretta eh - a eliminare un personaggio, come se non fosse mai esistito. Qual'è?
Virginia: Uno importante?
Miraphora: Sì.
Virginia: Impossibile rispondere. Non ne sono davvero in grado.
Miraphora: Allora cambiamo, sei costretta a riscrivere da capo uno dei tuoi romanzi. Quale scegli?
Virginia: Potrei riscriverli tutti. Per il semplice piacere di rivivere il momento in cui l'ho fatto la prima volta. Forse dividerei a metà la Spada.

Miraphora: Stai per partire per un week-end ad Amsterdam, quale personaggio ti porteresti dietro e perché?
Virginia: Mi porterei Gil così sono sicura di divertirmi e Gareth perché so che finirebbe in un canale.

Miraphora: Il tuo preferito a pelle dei fratelli Vandemberg.
Virginia: Bryce perché nessuno mi può capire meglio di lui.

Miraphora: Anche te prendi le misure per la tua bara ogni settimana?
Virginia: No, non sono particolarmente ipocondriaca. Prendo le misure della mia bara solo in senso figurato.

Tutto lo staff di New Adult Italia ringrazia calorosamente Virginia de Winter per la sua gentilezza e disponibilità. Speriamo di vederla presto in libreria con un nuovo romanzo.

1 commento:

  1. Vy, ogni volta che vedo che c'è una tua nuova intervista corro a leggerla immediatamente! Questo perchè mi manca da morire BF e credo sia necessaria una bella rilettura. T___T
    Però un'intervista in stile chat come questa è divertentissima! :D

    P.s. ormai stalkerare Vy sta diventando il passatempo preferito di molte di noi, poverina. XD Ma lo facciamo perchè ti vogliamo bene. <3

    RispondiElimina