venerdì 28 agosto 2015

Recensione L'incastro (im)perfetto di Colleen Hoover



Titolo: L'incastro (im)perfetto
Titolo originale: Ugly love
Autore: Colleen Hoover
Serie: Singolo
Editore: Leggereditore
Data di pubblicazione: 27 agosto 2015
Pagine: 296
Punto di vista: prima persona alternato
Livello di sensualità: alto

Trama: Quando Tate Collins trova il pilota Miles Archer svenuto davanti alla sua porta di casa, non è decisamente amore a prima vista. Non si considerano neanche amici. Ciò che loro hanno, però, è un’innegabile reciproca attrazione. Lui non cerca l’amore e lei non ha tempo per una relazione, ma la chimica tra loro non può essere ignorata. Una volta messi in chiaro i propri desideri, i due si rendono conto di aver trovato un accordo, almeno finché Tate rispetterà due semplici regole: mai fare domande sul passato e non aspettarsi un futuro. Tate cerca di convincersi che va tutto bene, ma presto si rende conto che è più difficile di quanto pensasse. Sarà in grado di dire di no a quel sexy pilota che abita proprio accanto a lei? 

Recensione: 
Colleen Hoover ha colpito ancora. A fondo e dolorosamente. Ho atteso questo libro per mesi e mesi, adocchiando i commenti entusiasti di chi l'aveva letto in inglese, vedendo le immagini promozionali del film che dovrebbero girare. Avete presente quando tirate un elastico, lo tirate e lo tirate, fino a che non è sul punto di spezzarsi? Ecco, queste erano le mie condizioni emotive. 
Lo so, lo so, non c'è bisogno che me lo diciate voi, non sono normale. Sai che novità... Ma quando, finalmente, come un fulmine a ciel sereno, è stata annunciata la pubblicazione dell'ebook un giorno per l'altro (Leggereditore, avete questo gioiellino tra le mani e non fate nemmeno un po' di promozione? Ma siete matti?), ho avuto le palpitazioni. Emozione e paura si sono mescolate. Emozione per ovvi motivi, ma paura perché? Presto detto: la cantonata è dietro l'angolo. E ultimamente ne ho prese almeno un paio, tanto che ho iniziato a dubitare della sanità mentale delle colleghe d'oltreoceano. Fortunatamente, zia Colleen ha mantenuto i suoi altissimi standard, sfornando un'altro dei suoi capolavori torci-budella

Sì, perché la storia di Tate e Miles è appassionata, tormentata, dolorosa, contorta, fatta di piacere ma anche di altrettanta sofferenza. Se leggendo la trama vi siete fatti l'idea che si tratti di un erotico, vi siete sbagliati di grosso. Non è la semplice, e forse un po' squallida, storia di due amanti occasionali. Sì, è vero, è il romanzo più hot di quest'autrice, ma il sesso è solo una maschera e quello che nasconde lo scopriremo piano piano, con molta pazienza. 

La storia odierna ci viene narrata dal punto di vista di Tate, mentre la voce profonda e sexy di Miles ci racconta il suo passato, tornando indietro di 6 anni. Così, mentre vediamo attraverso gli occhi di Tate un Miles freddo, duro, riservato, ma anche gentile e premuroso, lo stesso Miles ci fa conoscere il se stesso diciottenne, così diverso dalla persona che è diventato. E vi assicuro che ne ha tutti i motivi. A volte, quando in altri romanzi si arrivava a scoprire il motivo per cui il bad boy è diventato così bad, mi scappa da ridere e penso: "Beh? Tutto qui? Femminuccia! Smettila di frignare e fai l'uomo!" Credetemi, non è questo il caso. Quando ho scoperto cos'ha passato lui, mi sono messa a piangere come una bambina e avrei voluto abbracciarlo e consolarlo. E non c'entra il fatto che nella mia mente Miles ha il bellissimo viso e il corpo super sexy di Nick Bateman. Giurin giurello.

Il libro è stato una sofferenza emotiva dalla prima all'ultima pagina. Il passato di Miles incombe sul suo rapporto con Tate come una fottutissima spada di Damocle, ammorbando ogni attimo in cui lui si lascia andare un poco. E non parlo dell'intimità fisica. Il sesso è l'unica cosa che va a gonfie vele tra di loro. Parlo di intimità emotiva. Non appena Tate cerca di approfondire la loro conoscenza, lui si irrigidisce, diventa un blocco di ghiaccio. Eppure, a volte, anche lui perde il controllo e lascia trasparire che prova qualcosa di più di semplice attrazione. 
"Fammi andare via" mi dice, la sua voce implorante e calda contro la gola. "Non hai bisogno di tutto questo." I suoi baci continuano a salire lungo la mia pelle, interrompendosi solo per parlare e riprendere fiato. "E' solo che non so come smettere di desiderarti. Dimmi di andare via, e me ne andrò."
Non gli dico di andarsene. Scuoto la testa. "Non ce la faccio."
Giro il viso proprio nell'istante in cui è arrivato alla mia bocca, lo prendo per la maglietta e lo attiro a me, perfettamente consapevole di quello che mi sto facendo. So che stavolta non finirà meglio delle altre, eppure continuo a volerlo con tutta me stessa. Se non di più.
Miles mi ferma e mi guarda fisso negli occhi. "Non posso darti più di questo" sussurra in tono d'avvertimento. "Non posso."
E' difficile parlarvi di questo romanzo perché è comporto da pochi avvenimenti e tantissime sensazioni. E' un libro fatto di sentimenti ed ognuno vi reagisce a proprio modo. Come posso tradurli a parole? E' praticamente impossibile. E non voglio influenzarvi. Quello che ha colpito me, potrebbe non impressionare voi. Mentre altri passaggi per me insignificanti, potrebbero darvi un calcio nello stomaco. Dovete leggerlo senza filtri davanti agli occhi, dovete viverlo sulla vostra pelle e non sarà sempre piacevole. Ma sono certa che non possa lasciarvi indifferenti.

E' per me un mistero come quest'autrice possa farmi provare così tante sensazioni e ad una tale intensità, con così poche, curatissime parole. Bravissima.

Il mio voto è:

P.S. E se vi serve un ulteriore incentivo per leggere il libro, beccatevi il teaser del film!

13 commenti:

  1. Sono contenta che sia finalmente arrivato in Italia e che tutti abbiano la possibilità di leggerlo, l'ho letto in inglese quest'inverno e la storia di Miles mi ha spezzato il cuore in mille pezzi!! La Hoover è favolosa e non sbaglia un colpo, questo libro è entrato nella mia top ten!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono assolutamente d'accordo. Si contende il primo posto con Making face della Harmon. Per quest'anno. Due romanzi incredibili.

      Elimina
  2. Ho amato gli altri libri della Hoover, e sono curiosissima di leggere anche questo libro!Bella recensione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Juliette! Sono sicura che anche questo libro non ti deluderà. :) e grazie del complimento. *_*

      Elimina
  3. iniziato ieri sera... dopo poche righe ero già un po' innamorata, è grave?

    RispondiElimina
  4. @Silvia: a me lo chiedi? XD Io ti rispondo di no, che è normalissimo, ma detto da una pazza, non so quanto valga... Hahaha! Buona lettura! *_*

    RispondiElimina
  5. @Alice, forse (ma nemmeno troppo) la cosa grave è che mi ero innamorata di Miles e Rachel e del loro primo incontro x°°D

    RispondiElimina
  6. @Silvia: a chi lo dici... quei due ragazzi mi hanno fatto una tenerezza incredibile. Il contrasto tra la storia del presente e quella del passato è come una botta in testa. Ma l'hai finito? Non vedo l'ora di leggere la tua recensione. :)

    RispondiElimina
  7. No guarda, ieri giornata da mal di testa. Odio profondo u.u

    RispondiElimina
  8. ciao, come al solito la hoover non sbaglia un colpo. ogni volta che vedo il suo nome non ho bisogno di leggere la trama per sapere che già mi innamorerò; secondo te avremo il formato cartaceo? baci<3

    RispondiElimina
  9. Ciao Francy! La Leggereditore ha annunciato pochi giorni fa che il cartaceo uscirà il 24 settembre. Quindi sì! *_*

    RispondiElimina
  10. Io concordo pienamente con tutto quello che hai scritto. Non si può spiegare questo libro, perché puoi apprezzarlo quanto merita solo leggendolo. Ti fa provare tantissime emozioni: ho riso, ho pianto, mi sono arrabbiata e mi ha fatto salire i bollori in certe occasioni. ;) E, oggi, a distanza di qualche mese da quando l'ho letto, sono ancora qui che ci penso. E' questo che fanno i libri che ti prendono il cuore...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...