lunedì 3 aprile 2017

Release Party: A Second Life di Alice Elle disponibile dal 3 Aprile 2017


Ci siamo! Mi tremano le gambe dall'emozione, ma ormai non si torna indietro. Oggi esce A Second Life, il mio primo (e chissà, forse pure ultimo!) romanzo. 
Mi sono impegnata davvero molto, cercando di imparare dalle migliori autrici che rendono il panorama self un'alternativa di qualità all'editoria tradizionale, curando questo romanzo in ogni dettaglio. (Un grazie particolare e sentito a Estelle Hunt che mi ha seguita passo passo e mi ha offerto la sua esperienza in nome della nostra amicizia. Grazie tesò, davvero. ♥ )
Spero di essere riuscita nell'intento e di non deludervi, ma più di tutto spero che la storia di Elena e Misha vi emozioni, perché è questo che deve fare un buon romance, arrivare al cuore. 


Titolo: A Second Life
Autrice: Alice Elle
Data di uscita: 3 aprile 2017
Serie: no, autoconclusivo
Genere: contemporary romance
Pagine: 278
Prezzo ebook: 0,99
Prezzo cartaceo: 9,61
Progetto grafico: Lovely Cover
Link Amazon

Trama: Una telefonata ha distrutto il matrimonio perfetto di Elena. Una sola frase è bastata perché l’amore per il marito si trasformasse in una ferita infetta, un peso insostenibile che la trascina a fondo.
L’unica soluzione sembra prendere un aereo e partire, mettere centinaia di chilometri tra se stessa e una realtà che non è in grado di sopportare, alla ricerca di una pace che sembra inesorabilmente perduta.
Il destino, però, ha in serbo qualcosa di diverso.
Elena approda in una terra ricoperta di ghiaccio e incontra un uomo che in quel gelo ha nascosto la propria anima, per non dimenticare, per espiare… Gli occhi di ghiaccio di Mikhail la scrutano, la inchiodano, la spogliano di ogni maschera.
Tuttavia, quel ghiaccio brucia più del fuoco e, quando la neve si scioglie, la vita è pronta a germogliare.


IL BOOKTRAILER



TEASER GRAFICI




IL PROLOGO

26 aprile 1986

Nana cercò frenetica qualcosa di colore giallo. Doveva fare in fretta! Igor era due passi dietro di lei: se non si fosse sbrigata, l’avrebbe acciuffata e le sarebbe toccato dargli il cambio. E lei odiava fare la strega! Le piaceva correre e toccare tutti i colori possibili. Quando rientrava a casa, la sera, era sempre ricoperta di polvere e sudore.
Quel giorno la mamma non voleva farla uscire, perché c’erano un sacco di poliziotti che giravano per la città, lavando le strade con uno strano liquido bianco, ma aveva insistito così tanto che alla fine l’aveva convinta.
In fondo, sarebbe rimasta nella via in cui abitava. Tutti i bambini dei dintorni si trovavano lì, perché il viale era largo e alberato, passavano poche macchine e offriva un sacco di nascondigli perfetti per i loro giochi.
Eccolo! Un disegno giallo sulla vetrina del negozio di alimentari, quello all’angolo. Mentre allungava la mano per toccarlo e gridare: “Libera!”, grosse gocce presero a scendere dal cielo, che si era scurito all’improvviso.
Nana alzò la testa e aprì la bocca, come faceva sempre. Le piaceva acchiappare la pioggia con la lingua. Quel giorno, però, aveva un sapore strano ed era calda.
«Igoooooor! Senti! La pioggia è calda!»
I due amichetti iniziarono a ridacchiare e presero a spogliarsi. Faceva caldo per essere alla fine di aprile e quelle enormi gocce tiepide erano troppo belle per lasciarsele scappare.
Quando la madre si affacciò alla finestra, chiamandola a gran voce, Nana rientrò in casa.
Aveva caldo, troppo caldo.
Iniziò a grattarsi, nervosa, la pelle che si arrossava e le bruciava.
«Mamma, ho prurito.»
«Chissà dove ti sei rotolata oggi! Vai a toglierti un po’ di sporcizia di dosso e vedrai che il prurito passa.»
Nana ubbidì, la mamma aveva sempre ragione.
La serata trascorse lentamente, i genitori parlavano di un incendio, ma a lei non interessava. Si sentiva sempre più strana, la pelle continuava a bruciare, facendola agitare sulla sedia.
«Nana, cos’hai oggi? Non sei stata ferma un attimo.»
«Non lo so, non sto bene.»
La madre si alzò da tavola e le mise una mano sulla fronte.
«Sei un po’ calda, ma non è niente di che. Vai a letto, vedrai che domani mattina ti sentirai meglio.»
Filò in camera sua e affondò nel materasso, ma il tessuto le grattava la pelle sensibile. Si girò e rigirò tra le coperte, fino a ritrovarsi tutta arrotolata nelle lenzuola come una salsiccia, poi finalmente si addormentò.
Il giorno dopo l’atmosfera in città era completamente cambiata.
Dalla finestra, Nana fissava gli elicotteri che volavano sopra le case e i soldati che marciavano per le strade.
I genitori si muovevano nervosi per casa, spostandosi da una stanza all’altra.
«Deve essere successo qualcosa alla centrale. Non c’è altra spiegazione.»
Il padre uscì e tornò dopo poco.
«Hanno dato l’ordine di evacuare la città, si tratta solo di pochi giorni, quindi dobbiamo prendere lo stretto indispensabile.»
Alle domande della moglie non sapeva che cosa rispondere, continuava a scuotere la testa e ripeteva: «Dobbiamo andare.»
Alla fine la mamma si rassegnò e preparò dei piccoli bagagli, borbottando tutto il tempo.
«Se ce ne andiamo tutti, chissà cosa succederà qui. Ci distruggeranno la casa!»
A un tratto prese carta e penna e iniziò a scrivere. Nana si sporse sopra la sua spalla per leggere, mentre si grattava un braccio. Dalla sera prima, la pelle non aveva smesso un solo istante di bruciare e si sentiva stanca.
Uomo gentile e caro, non cercare oggetti di valore, non ne abbiamo mai avuti. Utilizza tutto ciò che ti serve, ma non saccheggiarci la casa. RITORNEREMO.
Poco dopo erano in strada. Davanti ad ogni grigio palazzone della sua via, stazionava un autobus. La gente si era riversata sui marciapiedi e si affollava vicino alle porte dei mezzi. Alcune persone spintonavano e si agitavano, altre guardavano smarrite verso le proprie case.
Dopo qualche minuto, Nana e la sua famiglia riuscirono a salire sull’autobus che era stato assegnato loro.
Quando partirono, schiacciò il viso sul finestrino, mentre il suo amico Igor piangeva, perché non gli avevano permesso di portare con sé Pavlov, il suo meticcio.
Osservò gli alti palazzi diventare sempre più piccoli, gli alberi che iniziavano a mettere le prime foglie primaverili divennero in fretta puntini verdi, mentre qualcosa le diceva che Igor non avrebbe mai più rivisto il suo cane, così come lei non avrebbe mai più rivisto la propria casa.

IL GIVEAWAY
a Rafflecopter giveaway

Il giveaway inizia ora e termina domenica. 
L'autrice contatterà il vincitore per accordarsi per la spedizione del romanzo.

Vi è piaciuto questo Release Party? Allora condividetelo e in bocca al lupo! 

Nota di servizio: per chi volesse leggere A Second Life e non ha un e reader Kindle, ricordo che a giorni sarà disponibile la versione cartacea, oppure, in alternativa, scaricando l'app Kindle potete leggere l'ebook su qualsiasi dispositivo mobile, smartphone o tablet. È davvero semplice. ;) 

5 commenti:

  1. che carino il booktrailer, mi ispira tanto questo romanzo ;)
    Luigi Dinardo
    luigi8421@yahoo.it

    RispondiElimina
  2. in bocca al lupo, faccio il tifo per te

    RispondiElimina