venerdì 3 febbraio 2017

Cinema & TV: Shadowhunters 2x03 Parabatai (Parabatai Lost)


Madreh che fatica.
Mi sono fatta violenza psicologica per convincermi a scrivere questo post, perché let's be honest here, la serie continua a non piacermi e continuo a dover trovare voglia e tempo per guardare le puntate.
Anzi, facciamo così, d'ora in poi non prometterò di essere puntuale, perché non ce la farei nemmeno se lo volessi. Non importa se mi riprometto di depurarmi il cervello dopo la visione con una nuova puntata di Taboo, perché l'orrore è sempre lì in agguato, settimana dopo settimana.
Quindi prendetemi quando mi viene l'ispirazione e non odiatemi troppo.

Dal titolo si capirà in fretta che tutta la puntata è dedicata al legame di Parabatai e ai due personaggi, Alec e Jace. L'unica cosa carina in questo mare di trash è che la produzione ha finalmente deciso di dare qualcosa in più agli spettatori con dei flashbacks di Alec e Jace da bambini e su come si è stabilito questo legame.
Ora, che la scelta sia stata positiva non ha escluso l'atrocità nel suo sviluppo.
Qui una diapositiva.
I biondi sono i Jace, i mori sono Alec
Va bene, era impossibile trovare attori veramente somiglianti, però per Alec almeno avrebbero potuto fare uno sforzo maggiore. Se vedeste la versione baby di Isabelle vi strappereste le ciglia. Per lo meno i contenuti delle scene sono abbastanza interessanti e distolgono l'attenzione dalle facce degli attori.

Sempre su questo argomento, Alec è ancora Bella Addormentata solo che sta per morire e per risvegliarlo devono recuperare Jace, e Magnus non riesce a sbloccarlo. Ora, come posso tralasciare la solita scena di puro fanservice Malec? Magnus e Alec come la Bella Addormentata, mi è salito il diabete.
Bacetto casto e oscurato, perché per carità!
Magnus una cosa buona fa in tutta la puntata, ed è asfaltare Jocelyn sbattendole pure la porta in faccia. E io tipo:
Clary è sempre più inutile, l'unica cosa utile che fa (come Magnus) è aiutare Simon a rintracciare sua madre. Per il resto fa solo un'entrata trionfale all'Istituto tutta bagnata, intercede per Jace con i licantropi, per il resto è quasi un personaggio di sfondo. Mi chiedo come possa migliorare questa poverina se viene schiacciata dal marasma della trama, rimarrà sempre allo stesso livello.

Il personaggio protagonista è Jace. Allora, il poverino si sveglia spiaggiato come una balena di fianco ad un cadavere e subito scappa perché pensano abbia ucciso lui (la lupa albina della puntata precedente, qualcuno mi spieghi come ci è finita lì quando Jace e Clary stavano attraversando il portale e la lupa era insieme a Valentine).
Così scappa di qua e di là ricercato dal Conclave e dai licantropi, e si ritrova in una selva oscura - scherzo - in un bar e chi incontra? Maia.
Maia che in realtà è una stronza totale e lo fa prende a botte dal branco e finisce in ospedale. Dall'ospedale altra rissa con i lupi, poi spunta fuori Jocelyn a caso (WTF) tutta spirito materno che vuole aiutare Jace. Seconda asfaltata per Jocelyn, perché Jace la manda a fancubo e si ritrova un'altra volta in mezzo ai lupi.
Salvato in corner da Isabelle - che nel frattempo ha preso accordi con Aldrettee per fare uno scambio: ti consegno Jace se prima gli permetti di salvare Alec - Jace arriva in Istituto dove si ritrovano a piangere sulle spoglie di Alec con tanto di scena flashback della cerimonia parabatai. Naturalmente Alex resuscita e vissero tutti felici e contenti. Tranne Jace, lui si prende una bella inchiappettata perché Aldrettee lo arresta.

Ragazzi, che tortura. Non nascondo che questa sia stata, so far, la puntata migliore, ma ancora siamo lontanissimi dal livello di decenza che si meriterebbe. Cioè, per carità, c'è trash e trash, eppure ancora per me è no.

Ci rivedremo presto, credo.

Nessun commento:

Posta un commento