lunedì 10 ottobre 2016

Recensione Calendar Girl. Ottobre Novembre Dicembre
di Audrey Carlan

Titolo: Calendar Girl
Serie: Calendar Girl Vol. 4
Autrice: Audrey Carlan
Ambientazione: Malibù/New York/Aspen
Genere: Romanzo erotico 
Casa editrice: Mondadori
Data d'uscita: 20 Settembre 2016
Punto di vista: prima persona
Livello di sensualità: Hot

Trama: L'ANNO DI MIA STA PER FINIRE.
MA IL VIAGGIO DELLA SUA VITA È APPENA INIZIATO
"Non nuotavo più da sola in uno stagno. Avevo un oceano di possibilità, e tutti quelli intorno a me mi tendevano la mano, pronti a gettarmi un salvagente se la corrente della vita avesse rischiato di travolgermi." Mancano tre mesi alla fine del viaggio di Mia. Wes è tornato, ma è un'anima persa, ciò che ha visto gli ha lasciato ferite profonde, ricordi mostruosi che tormentano le sue notti. Solo Mia può aiutarlo a rimettere insieme i pezzi e trovare il modo di uscire da quella oscurità che l'ha inghiottito per poter finalmente affrontare insieme il futuro. Ma ora Mia non è più sola, ha una nuova famiglia, persone pronte a stringersi intorno a lei ogni volta che la vita le porrà davanti nuove difficoltà. E all'orizzonte di nuvole nere ce ne sono ancora tante: la madre, scomparsa quando era bambina, che improvvisamente sembra fare di nuovo capolino nella sua vita, e il padre che ancora giace in un letto d'ospedale.
Ma ci sono anche tante giornate di sole che Mia vuole poter vivere insieme al suo Wes. Con lui desidera arrivare alla fine di questo viaggio lungo un anno per iniziarne uno nuovo. Uno tutto loro...


Recensione di Mara:
Eccomi di nuovo qui a parlarvi di Mia Saunders, la Calendar Girl che con questo quarto trimestre termina il suo lungo viaggio partendo dalla magnifica e assolata Malibù, per poi spostarsi nella frenetica New York e infine arrivare sulle bianche cime di Aspen.

A Settembre abbiamo lasciato Mia in preda all'angoscia per via del rapimento di Wes. Ora lui si trova in Australia, sta guarendo e presto farà ritorno a casa, quindi lei decide di tornare a Malibù per attendere il suo rientro. Il mese di Ottobre, si apre per Mia con una nuova e stimolante esperienza lavorativa in uno show televisivo, dove ha il compito di gestire un segmento di quindici minuti sulla salute e il vivere bene. Il suo debito è stato generosamente saldato e quindi può finalmente ritenersi libera da qualsiasi obbligo, ma nel momento in cui Wes fa ritorno a casa, quei maledetti giorni di prigionia non smettono di tormentarlo, disturbando così la loro nuova vita di coppia.

A Novembre i due andranno nella Grande Mela per seguire un bel progetto lavorativo che farà guadagnare a Mia maggior notorietà con il suo programma. Qui rincontrerà due suoi ex compagni di viaggio ossia Anton Santiago il bel “Latin Lover” con la sua manager Heather e Mason Murphy, il famoso lanciatore dei Red Sox seguito dalla fidanzata Rachel, che le regaleranno momenti di affetto e spensieratezza, confermandole quanto queste persone siano diventate importanti nella sua vita. Infine, nel mese di Dicembre, la nostra coppia si sposta in Colorado, nel paese delle meraviglie invernali di Aspen, per filmare e intervistare degli artisti locali. Qui Mia potrà finalmente riunire tutta la sua nuova famiglia per trascorrere un favoloso Natale ma dovrà anche affrontare e digerire una novità piuttosto destabilizzante, mentre Wes, sempre alle prese con il disturbo post traumatico da stress in via di guarigione, rifletterà sul suo futuro.

Dopo questo breve riassunto dei tre mesi che Mia vivrà devo parlarvi nello specifico di un aspetto di questa storia che ha fatto vacillare notevolmente il mio giudizio, perché subito dopo poche pagine mi sono chiesta se stessi guardando un film porno o stessi leggendo un romanzo erotico. Per farvi capire meglio: nel secondo capitolo Wes e Mia si ritrovano dopo i giorni di lontananza dovuti alla prigionia, conosciamo benissimo il temperamento focoso di lui e la predisposizione di lei, quindi possiamo immaginare come i due brucino le lenzuola, ma al terzo capitolo non potete capire quanto abbia trovato improbabile una determinata situazione. 
L'episodio cui faccio riferimento ha un lato serio (chi ha letto il libro può capire a cosa mi riferisco) ma davvero non ho potuto trovare anche un lato ironico, leggendo la loro sessione erotica sotto la doccia, in cui Mia diventa la detentrice del Guinness dei primati per il pompino dei campioni perché come succhia lei non succhia nessuno ... meglio di un aspirapolvere alla massima potenza! A mio avviso, in questa prima parte, la Carlan ha introdotto troppe scene di sesso una vicina all'altra, facendomi perdere il reale filo conduttore della storia, per poi farmelo magicamente e fortunatamente riprendere dopo un centinaio di pagine.

Tirando un po' le somme, posso dire che, tra alti e bassi, questa serie mi é piaciuta e mi ha regalo un finale che sinceramente non pensavo di leggere. In quest’ultimo trimestre ci renderemo conto che Mia e Wes insieme sono una forza inarrestabile. Passo dopo passo assisteremo al consolidarsi del loro rapporto che riesce ad attraversare la tempesta mentale che travolge Wes dopo la prigionia, infatti entrambi, capiscono di essere un’entità unica, che divisi non hanno speranze, ma che insieme possano superare qualunque cosa.

Questo bel percorso ha portato Mia a scoprire se stessa, ha imparato a volersi bene e finalmente ha capito che ormai era arrivato il momento di prendersi cura di se stessa, perché sin dall'età di dieci anni ha dovuto badare alla sorella e anche al padre che fino all'ultimo, ha prosciugato la sua libertà. Ora ha tutto: felicità, amore incondizionato, un lavoro soddisfacente e l’amicizia di persone che le vogliono bene. In questi mesi inoltre ha capito il vero valore della famiglia e la profondità dell’amore, infatti, grazie a tutte le meravigliose persone incontrate si è resa conto che la famiglia è un valore che va oltre i legami di sangue. Ogni uomo da lei incontrato durante i mesi passati, l’ha accolta a braccia aperte donandole affetto e protezione, facendola entrare di diritto nelle loro vite e nelle loro famiglie. Mia si ritrova così a far parte di una grande famiglia allargata, composta di sorelle, fratelli, amici, amiche, cognati e bambini che non si sarebbe mai aspettata. 

Questa serie è stata anche super hot grazie ad Alex e Tai ma soprattutto grazie a Wes, o meglio ad Audrey Carlan, per averci fatto conoscere un surfista californiano DOC, che pur essendo a livello professionale uno stimato sceneggiatore, nel privato si trasforma in un ragazzaccio sexy, dominante e insaziabile in grado di intraprendere maratone infinite di sesso duro e sporco. Anche in questo finale non mancheranno i colpi di scena. Tutto ciò che accadrà, farà capire maggiormente quanto la relazione tra Wes e Mia sia diventata intensa e necessaria per la loro esistenza e soprattutto, quanto i cambiamenti avvenuti nella vita di Mia abbiano influito sul suo presente. La crescita interiore e l’evoluzione dello stile di vita della protagonista sono avvenuti mese dopo mese e in questi ultimi capitoli la Carlan, evidenzia tutto ciò che di buono Mia é riuscita a ottenere, perché se c'è una lezione che Mia ha imparato é che nella vita ciò che conta é il viaggio, non la destinazione finale... trust the journey, sempre.

Quattro stelle 

5 commenti:

  1. Mi sa che è proprio arrivato il momento di recuperare la serie allora, aspetto di essere nel mood giusto e si parte ^_^

    RispondiElimina
  2. Ciao Ely! Non so perché ma qualcosa mi dice che non sia una lettura che rientri esattamente nei tuoi gusti... Personalmente l'ho abbandonata a Febbraio. XD

    RispondiElimina
  3. Ciao Ely! Io non conosco i tuoi gusti, ma se devo essere sincera dopo aver letto tutta la serie, la consiglio solo nel caso in cui si abbia voglia di una lettura leggera e spensierata. La Carlan scrive molto bene e si leggere in maniera veloce ma a volte butta un po' troppe scene erotiche nel mezzo. Però io un 4 stelle a tutta la serie le do volentieri perchè tra alti e bassi, mi é piaciuta ;)

    RispondiElimina
  4. Io ci ho provato a leggerla questa serie, ma CIAOOONE!!!

    RispondiElimina
  5. Noooooo Silvia, e perché mai lo hai fatto? Non è proprio per te! XD

    RispondiElimina