venerdì 8 luglio 2016

Game of Thrones Recensione 6x10 "The Winds of Winter"


La sesta stagione è appena finita e tutti i fans di GoT, orfani dell’episodio del Lunedì, sono piombati nella disperazione. Ecco perché ho aspettato per fare la recensione del finale di stagione, dal momento che sapevo quanto mi sarebbero mancati tutti i personaggi dello show. Inoltre, avevo bisogno di tempo per metabolizzare quella che è stata davvero una puntatona.

In questa settimana si è detto e si è visto di tutto. Le pagine fans si sono scatenate, video su video sono stati pubblicati sul tubo, celebrando i momenti più importanti di questo episodio e quelli che ricorderemo di tutta la stagione in generale.
Questo è il nostro ultimo appuntamento per quest’anno, così ho pensato che più che descrivervi a parole la 6x10, sarebbe stato più divertente descriverla attraverso le immagini, attraverso meme creati da me o trovati sul web. Spero vi divertirete a guardarli così come io mi sono divertita a crearli e a cercarli.

Cominciamo subito con il mio “amato” Alto Passero.

Eh, la vecchiaia… non si ricorda, poverino.
O forse è stato quel miscredente di Loras? Ma certo, deve essere tutta colpa sua.
Va punito di fronte agli dei, marchiato e inserito in un programma di riadattamento sociale. 
E’ inutile che neghi, delinquente!


E mentre nel Tempio di Baelor tutti se la prendono con il povero Loras, 
Cersei beve vino e gioca ai videogames.
Non ci credete? Guardate!


Ecco chi aveva lasciato quel maledetto gas aperto! 
Certo, Cersei non immaginava che la cosa avrebbe disturbato tanto il figlio Tommen, 
il quale, forse rintronato per il botto delle esplosioni, viene colpito da un’illuminazione.


Ma almeno, la povera Cersei qualche soddisfazione se l’è tolta. 
Ora è il turno di Septa Unella. E che soddisfazioni!


Intanto, Arya decide di partecipare a Masterchef Torri Gemelle, presentando un menu di tutto rispetto che le farà guadagnare la preparazione della cena per il Signore del Castello, tale Walder Frey.


Piatto forte: Pasticcio alla Frey, in onore dell’ospite padrone di casa.


E come dessert, Dolce al coltello.
Un delizia per la gola.


A Meeren si consuma una enorme tragedia: Daario Naaris viene frienzonato.
Eh sì, il Karma gira, colpisce e ammazza.


Tutta colpa di quel nano malefico che una ne pensa e cento ne fa.
E fu così che il Folletto divenne il Primo Cavaliere di Danaerys Targaryen.


Nel frattempo, Varys porta a termine la sua missione diplomatica.


Tutti pronti a partire alla volta di Westeros. Tremate, gente!


Abbandonato dallo zio Benjen, Bran Stark decide di prendersi un periodo di riposo.
Ma il clima non lo convince. Forse meglio fare un viaggetto mentale.


Così, se ne torna dal paparino giovane alle Torri Gemelle.
Il giovane Ned è con la zia Lyanna, impegnata a partorire un bambino. 
Ma chi sarà mai? 
Svelato finalmente l’annoso mistero: 
Jon Snow in realtà è un Targaryen, figlio di Rhaegar, nipote di Deny.


Intanto, a Winterfell, Lord Baelish ci prova con Sansa. “Ti amo”, le dice.
Lei apre i social e lancia l’ashtag:


Jon, invece, deve vedersela con la Dama Rossa.
Jon Snow, tu non sai mai niente, accidenti a te!


I Lord, riuniti in consiglio, discutono sul da farsi, ora che i Bolton sono stati battuti.
La minaccia dell’Inverno non è l’unica che incombe, ma nessuno sembra preoccuparsene. 
Meglio farsi fare le scarpe dalla piccola Lady Mormont.


E fu così che, dopo aver controllato che i gingilli dei presenti non fossero emigrati tutti da Lyanna, 
Jon Snow venne acclamato Lord di Grande Inverno, Re del Nord.


E Cersei finì per essere incoronata Regina del Trono di Spade.


Almeno fino all’adempimento della Seconda Profezia e alla Settima Stagione di GoT.


Alla prossima Stagione
dalla vostra Alexandria


Nessun commento:

Posta un commento