martedì 15 marzo 2016

Recensione Per sempre con me di Jennifer L. Armentrout (Serie Wait for You #5)


Titolo: Per sempre con me
Titolo originale: Forever with You
Autore: Jennifer L. Armentrout
Serie: Wait for You #5
Editore: Nord
Data di pubblicazione: 3 marzo 2016
Pagine: 281
Punto di vista: prima persona
Livello di sensualità: alto

Trama: In cuor suo, Stephanie sa di essere un’inguaribile romantica, una di quelle ragazze che crede nel colpo di fulmine e nel potere del vero amore. Tuttavia ha imparato a sue spese che è più saggio non farsi illusioni: troppe volte ha rinunciato a tutto per poi ritrovarsi da sola a rimettere insieme i pezzi del suo orgoglio. Perciò adesso preferisce concentrarsi sul lavoro e proteggere i sentimenti dietro una corazza di sfrontata sicurezza. Mai si sarebbe immaginata che un giorno si sarebbe lasciata sedurre da Nick, il barista più affascinante del Mona's pub. Bello, arrogante e sempre pieno di donne, Nick è il classico tipo da una notte e via. Eppure Steph lo travolge, col suo sorriso disarmante, con la sua forza e con l'ostinazione con cui nasconde le proprie insicurezze. A poco a poco, Nick si rende conto di non poter più vivere senza di lei. Ma, per convincere la donna più diffidente del mondo a dargli una possibilità, Nick dovrà essere pronto a togliere la maschera da playboy e a mettere a nudo la propria anima. Anche se ciò significa rivelare un segreto che rischia di distruggerlo…

Recensione:
Posso fare una recensione di sospiri adoranti e cuoricini svolazzanti? Perché è questo il potere di Jennifer L.Armentrout. Ridurmi ad un ammasso di gelatina rosa e zuccherosa. Anche se questa volta le ci è voluta qualche pagina in più del solito.

Partiamo dal presupposto che la trama è abbastanza fuorviante. Così come lo sono i primissimi capitoli del romanzo. Nick non seduce Steph, casomai è il contrario, o se proprio vogliamo dirla tutta, al massimo, si sono sedotti a vicenda. L'idea che ci eravamo fatte di Stephanie dai libri scorsi era che fosse una stronzetta che occupava il tempo passando un letto all'altro. Le cose non stanno esattamente così. E' vero, è una ragazza sveglia e senza tanti problemi con il sesso, ma il suo obiettivo è trovare il ragazzo giusto con cui costruire una storia seria. Possiamo darle torto se ci ha provato con mezzo esercito dei ragazzi fighi? Ora vorrei che alzi la mano chi tra voi, trovandosi al suo posto, non avrebbe fatto lo stesso. Voglio dire: belli, intelligenti, bravi (in tutti i sensi)... Possiamo farle una colpa per averci provato? Siamo oneste. Ha fatto bene. Chi dice il contrario è perché sta schiattando di invidia.

Ma torniamo al presente. Steph si è trasferita a Plymouth Meeting per lavoro, precisamente nello stesso palazzo in cui abita Reece (ve lo ricordate? poliziotto supersexy? fidanzato di Roxy?) e, mentre scarica gli scatoloni dall'automobile, chi le arriva in soccorso se non il gnoccolosissimo Nick? Gentile, educato, con bicipiti perfetti e un sorriso scoglimutande. Ora, possiamo farle qualche colpa se a pagina dieci la ritroviamo in attività intensamente ludiche con il suddetto sexy barista? Io no di certo. Ho fatto un coro da stadio e mi sono messa una maglietta con su scritto "Steph sei tutte noi!". Ma il mio rispetto per questa donna è salito di dieci tacche quando, qualche giorno dopo, non si fa mettere i piedi in testa da Nick in versione stronzo e gliene canta quattro, lasciando basiti tutti gli avventori del bar, barista psyco in primis. A quel punto le ho dato metaforicamente il cinque. 

E qui mi permetto una piccola riflessione, tanto questa recensione è all'insegna della follia, quindi sopportatemi: zia Jenny, secondo me, lancia tra le righe un messaggio piuttosto interessante e con più sfaccettature. Primo: perché se un uomo cambia una donna per notte è un gran figo, mentre se una ragazza in cerca di una storia seria non aspetta le canoniche tre uscite (o erano sette?) per fare sesso con il candidato al ruolo di fidanzato è una poco di buono? Ora, ammetto che, quando mi sono ritrovata Steph che si rotolava sul pavimento della cucina con Nick dopo avergli detto in tutto una decina di parole, l'ho apostrofata sorridendo con un affettuoso "Puttanella!", ma poi ammetto con lo stesso candore di essermene vergognata. Ognuno (anche noi donne!) ha il diritto di vivere il sesso come cavolo gli pare, in base alla propria sensibilità, e non essere giudicato per questo. Secondo: da grandi poteri derivano grandi responsabilità. In altre parole, se fai sesso, per quanto tu possa essere prudente, qualche rischio lo corri sempre, quindi devi essere adulto e maturo a sufficienza per affrontarne le conseguenze. Insomma, zia Jenny ci mostra entrambi i lati della medaglia e le voglio bene per questo.

Ma torniamo alla storia. Nick è rimasto tramortito dalla lavata di capo di Steph e si rende conto di essere... come dire... un po' stronzo? Sì, direi che è il termine giusto. Così si mette in testa di rimediare e si propone di ricominciare dall'inizio, ma come amici. Quando si dice fare le cose al contrario! Peccato che le cose prenderanno una piega davvero inaspettata... E qui sono costretta a fermarmi altrimenti mi parte lo spoiler pesante e sapete che lo odio. 

Un bel romanzo, ma che per una buona metà non mi ha emozionata come riesce in genere a fare quest'autrice, che venero dal profondo del cuore. La prima parte è una storia carina e normale, raccontata con il suo solito brio, ma mi mancava l'elemento angst, che si è fatto attendere, ma quando è arrivato ha recuperato alla grande tutti gli arretrati, prendendo il mio cuoricino e riducendolo in mille pezzi. Non è il mio libro preferito della serie, Jax e Calla rimangono ancora imbattuti, ma ce ne fossero di più di scrittrici come lei...
"Mi faceva sentire come un tesoro inestimabile, o una preziosa opera d'arte: ecco come mi baciava, ed era come sfiorare l'infinito."

4 stelle

3 commenti:

  1. Ciao Alice,
    non è la prima recensione che vedo su questo libro ma non ne ho letta ancora nessuna perchè non voglio rovinarmi la sorpresa visto che ho già pronto il libro. Appena lo finisco poi ci ripasso.

    RispondiElimina
  2. Eccomi adesso come promesso.
    Mi trovo daccordo in ogni parola che dici sulla tua recensione. Ho rivalutato tanto Stephanie in questo libro, devo dire che sono partita un pò prevenuta verso di lei conoscendola già e invece qui mi è piaciuta molto. Ho apprezzato tanto Nick e insieme sono proprio una bella coppia.
    Molto, molto bello rivedere Cam e Avrey e bella l'intera saga.

    RispondiElimina
  3. Ciao Susy, pensa il caso... ho appena letto la tua recensione! Eh sì, siamo sulla stessa lunghezza d'onda e questa scrittrice, anche se con qualche piccola flessione lungo la strada, non delude mai. ;)

    RispondiElimina