venerdì 10 luglio 2015

Recensione La mia eccezione sei tu di Patrisha Mar

Titolo: La mia eccezione sei tu
Autore: Patricia Mar
Serie: Singolo
Editore: Newton Compton
Data di pubblicazione: 2 luglio 2015
Pagine: 225
Punto di vista: Prima persona (Sara)
Livello di sensualità: Soft

Trama: Finalmente è arrivato il giorno del tanto atteso colloquio di lavoro e Sara deve fare bella figura. Sono già due anni che si è laureata, ma né in campo professionale né in quello sentimentale sembra che la sua vita abbia preso una piega accettabile. E adesso eccola, traballante su tacchi troppo alti, in ritardo cosmico – grazie alla simpatica sveglia che non suona quando dovrebbe e a un autobus che ha deciso di saltare una corsa – sotto la sede della rivista di moda e gossip più letta del momento. Sara deve avere quel lavoro… Ma la giornata a quanto pare è nata storta e può solo peggiorare. E infatti, come una ciliegina sulla torta, l’ascensore che è riuscita a prendere al volo pensa bene di bloccarsi. Uno scossone prima e un altro a breve distanza ed è chiaro che non ripartirà. Ma Sara lì dentro non è sola… Accanto a lei c’è qualcuno. Qualcuno che soffre di claustrofobia e che è sul punto di avere un attacco di panico. A meno che lei… non si faccia venire qualche idea geniale per impedirlo. Un’idea così geniale che lascerà il segno…

Recensione: 
Una perfetta lettura estiva, per evadere e sognare in leggerezza qualche ora, magari sotto l'ombrellone e con una bella bibita ghiacciata in mano.
La storia racconta il sogno erotico di ogni donna etero tra i 16 e i 70 anni. Rimanere chiuse in un ascensore con un uomo bellissimo e di successo. Chi non l'ha immaginato almeno una volta nella vita? Faccio outing: io un sacco! Peccato che poi, invece del figo galattico, nell'ascensore entrasse puntualmente il vicino di casa con la pancetta e la canottiera sudata, che non profuma esattamente di mughetto.

Sara invece è moooolto più fortunata di me. Nell'ascensore trova il modello inglese più famoso al mondo: Daniel Gant, alto, fisico scolpitissimo, moro, occhi azzurrissimi, barba incolta che gli regala ulteriore rude fascino e... claustrofobico! La scena è divertente e crea l'occasione ai due personaggi di creare un legame.

Daniel (evidentemente ispirato a David Gandy, come poi ho trovato conferma nel profilo dell'autrice) è affascinato dalla semplicità con cui Sara si è relazionata a lui, andando oltre l'apparenza, vedendolo come una persona e non solo come un oggetto molto bello. Per cui la corteggia con dolcezza ed eleganza, senza pressarla troppo ma mostrandosi deciso quando lei fa la ritrosa.

Sara è una ragazza come tante, carina e intelligente, ma un po' sfortunata. Ha perso il lavoro e anche il fidanzato, che l'ha tradita con una sua amica. Non stupisce quindi che faccia fatica a fidarsi di nuovo di un uomo. Soprattutto se l'uomo in questione è l'esemplare più sexy sulla faccia della terra. Ci sorbiamo quindi le sue legittime (fino a un certo punto) paturnie. Sara si chiede, infatti, che futuro possano avere insieme due persone così diverse. Daniel è famoso, ricco ed è sempre in viaggio per motivi di lavoro, mentre lei è anonima, sull'orlo della bancarotta e legata con il cordone ombelicale al suo paese e alla sua famiglia.

Insomma, La mia eccezione sei tu è una favola moderna, romantica, dolce e per questo poco credibile. Lo stile narrativo è semplice, diretto e con una buona dose di ironia. Ma non è stato sufficiente per farmi arrivare la storia di Sara e Daniel al cuore. E' rimasta in superficie, regalandomi un paio d'ore di piacevole passatempo, ma lasciandomi poco altro. 

Siccome mi piace essere schietta al punto da rendermi ridicola, vi mostrerò quanto sono superficiale e vi dirò una delle cose che mi è mancata di più. Il SESSO. Eh sì, perché cara Patrisha, non mi puoi creare una storia con un personaggio che nella mia testa ha l'aspetto di David Gandy, in tutto il suo testosteronico splendore, che si aggira spesso e volentieri a petto nudo, a volte con un misero asciugamano attorno ai fianchi, mettendomi l'ormone in subbuglio come se non ci fosse un domani, facendomi salire la temperatura corporea al punto che avrei potuto fondere il kindle... e poi non darmi un po' di sano e descrittivo sesso! Me lo accenni, me lo fai desiderare, me lo fai annusare e poi... niente! Non si fa così! Ora io ho un grosso problema di frustrazione ed è tutta colpa tua. 

Scherzi a parte, è un romanzo molto dolce, romantico e ben scritto, che consiglio a chi ha voglia di svagarsi senza troppe pretese.

Il mio voto è:

3 commenti:

  1. Grazie per la tua recensione :) , e per l'hotness ahahah mi spiace, mi sono sentita di scriverlo così! Un bacio!

    RispondiElimina
  2. Ciao Patrisha! Grazie per aver lasciato un commento, ti seguo su FB da dopo aver letto il tuo libro e mi fai morire dal ridere. Ti lovvo un sacco e d'ora in poi non potrò più scrivere recensioni obiettive sui tuoi romanzi. :)
    Per l'hotness che ti devo dire... l'avrei proprio voluta leggere una bella scena di sesso con il sexy Daniel. Non di quelle volgari che sembrano più una lezione di anatomia, una cosa romantica ma allo stesso tempo bollente. D'altra parte di sa, noi lettrici non siamo mai contente! XD

    RispondiElimina
  3. Nel seguito qualcosina in più c'è in effetti di hotness, ma sai, è stata proprio una mia scelta voluta quella di renderlo molto romantico e di sottolineare meno l'aspetto hot, e comprendo benissimo che magari le esigenze del lettore sono differenti ed è giustissimo, io per prima sono una grande lettrice e manifestare i propri gusti è sacrosanto :D. E poi sono una grande istintiva, il romanzo così si è scritto @_@ lo ammetto sono anche matta, se mi segui su fb lo sai ahahhaha

    RispondiElimina