mercoledì 8 aprile 2015

Recensione La ragazza dagli occhi scuri di Lisa Keyplas



Titolo: La ragazza dagli occhi scuri
Titolo Originale:  Brown eyed girl
Autrice: Lisa Kleypas
Serie: Trevis #4
Protagonisti: Avery Crosslin e Joe Travis
Editore: Leggereditore
Pagine: 252
Data di uscita: 26 marzo 2015
POV: prima persona
Livello di sensualità: medio



Trama: Avery Crosslin è una giovane stilista di talento, appagata e felice, con una brillante carriera davanti a sé. Fino al giorno in cui la società per cui lavora fallisce e il fidanzato decide di mollarla. Come se non bastasse, l’acuirsi della malattia del padre la costringe al suo capezzale giorno e notte. Disoccupata, single e con un dolore che le attanaglia il cuore, in ospedale incontra un uomo affascinante che si offre di aiutarla. L’attrazione tra i due è irresistibile, eppure, quando lui le confessa il suo interesse, Avery lo liquida fingendosi già impegnata. Alla morte del padre, riceve una lettera: è da parte di Joe, l’affascinante sconosciuto che Avery non riesce a dimenticare, ma che ha scoperto essere in qualche modo responsabile della tragedia che sta vivendo.

La pagina facebook dell'Autrice

La discussione su Forumfree



Commento: 
Che se ne parli bene o male, l'importante è che se ne parli. Così recita il famoso adagio e bisogna ammettere che l'uscita di questo libro è stata anticipata da una valanga di ipotesi, congetture e accuse che se non altro hanno fornito pubblicità gratuita. Che il libro sia stato scritto dalla Kleypas non c'è dubbio ormai, mentre è incerto se corrisponda fin nei minimi particolari al romanzo che uscirà in America, dato che la Casa Editrice si è trincerata dietro un silenzioso no comment di fronte alle numerose richieste di chiarimenti da parte delle lettrici. Che cosa ha pubblicato la Leggereditore? Non ci resta che attendere l'edizione americana per fare i confronti e tirare le somme. Ma ora parliamo del libro...

E così si è conclusa la serie dedicata alla famiglia Travis. Le fans di Lisa Kleypas stavano aspettando da lungo tempo quest’ultimo capitolo e probabilmente la mia delusione deriva proprio da questa attesa e dalle aspettative che ha generato. 

Prima di tutto bisogna sottolineare che la sinossi non coincide con la storia del romanzo. Nomi a parte, le vicende sono altre. Avery è proprietaria insieme alla sorellastra di un’agenzia di wedding planner, è tenace e decisa a realizzarsi professionalmente, ma di fatto è una ragazza insicura di sé, che teme di aprirsi con gli uomini per paura di rimanere nuovamente scottata. Joe è l’uomo perfetto, perché oltre ad essere bello, ricco e buono, si adopera sin da subito per conquistare Avery e demolire le barriere alzate a difesa del suo cuore. 


Ebbene, la storia è piatta e decisamente noiosa, e anche il lato sensuale così spiccato nelle storie della Keyplas qui è molto blando. In pratica non accade nulla, Avery vorrebbe sfuggire al corteggiamento serrato di Joe ma è ovvio che non ne ha la forza né la volontà. La storia d’amore si sviluppa in maniera monotona, non c’è l’approfondimento psicologico dei personaggi che ho tanto apprezzato nei libri precedenti. Posso portare l’esempio di Liberty o di Haven, delle quali avevamo ripercorso una parte della loro vita ben prima che incontrassero il protagonista maschile del romanzo a loro dedicato. 


Avery ci viene presentata come una donna che non ha fiducia in se stessa, che si vergogna del proprio corpo formoso, ma il suo comportamento poi si rivela tutt'altro, per cui non si fa problemi a spogliarsi di fronte a Joe, cosa che reputo assolutamente incongruente. Verso la fine l’autrice cerca di movimentare il romanzo aggiungendo personaggi amorali e la possibilità di una separazione tra Avery e Joe che più che aggiungere tensione allunga il brodo. La storia secondaria di Sofia e Steven, benchè occupi uno spazio relativamente contenuto, mi ha coinvolto più della storia principale. 


In pratica è stata una lettura leggera, poco impegnativa, ma di fatto deludente. Ho chiuso l’ebook pensando, peccato...

Il mio voto è

Nessun commento:

Posta un commento