mercoledì 27 luglio 2016

Recensione Non mentire al mio cuore di Leisa Rayven
(Serie Starcrossed #3)


Titolo: Non mentire al mio cuore
Titolo originale: Wicked Heart
Autrice:  Leisa Rayven 
Serie: Starcrossed #3
Genere: CT - Romance
Editore: Fabbri
Data uscita: 30 giugno 2016
Pagine: 336
Punto di vista: prima persona (Elissa)
Livello di sensualità: medio-alto

Trama: Dopo più di sei anni Elissa soffre ancora per il suo ultimo amore, Liam: biondo, bello e statuario come un dio greco. E dimenticarlo sembra proprio impossibile, visto che lui nel frattempo è diventato una star del cinema e, con la sua nuova fiamma Angel, forma la coppia più hot e fotografata del momento, per la quale il mondo intero è letteralmente impazzito. Il destino ha però deciso di farli rincontrare. La coppia di attori, infatti, è stata scritturata in un teatro di Broadway per La bisbetica domata di Shakespeare… ed Elissa è la direttrice di scena dello spettacolo. A Elissa e Liam basta il primo incontro per capire che la fiamma tra loro si è riaccesa, anzi, che non si è mai spenta. Elissa è incredibilmente sexy e brillante, così tanto che presto starle accanto diventa per Liam un’eccitante e seducente tortura. Lei infatti cerca in ogni modo di evitarlo e sfuggirgli. Un po’ per etica professionale, ma soprattutto perché le ha lasciato ferite che non si sono ancora rimarginate: Liam l’ha abbandonata da un giorno all’altro, sparendo dalla sua vita senza nemmeno una parola. Resistere all’attrazione, però, diventa sempre più difficile, finché una notte accade l’inevitabile. Ma se ti chiami Liam Quinn e sei una star di fama internazionale, le conseguenze delle tue azioni hanno sempre un prezzo altissimo. E travolgono chiunque ti stia vicino. E poi Elissa può davvero fidarsi di un ragazzo sempre sotto i riflettori, che l’ha abbandonata per la carriera e sta per sposarsi con una diva bellissima, della quale tutti credono sia follemente innamorato? Per sua fortuna, a Hollywood, nulla è mai come sembra…

Recensione di Alice:

Ho letteralmente adorato i primi due romanzi di questa serie, Leisa Rayven scrive in un modo che mi manda in brodo di giuggiole: alterna dialoghi divertenti e spiritosi a momenti di emozioni così devastanti da lasciarti con lo stomaco tutto aggrovigliato. Ma il suo talento è creare protagonisti maschili che mandano in corto circuito il mio sistema endocrino. Ethan Holt mi aveva messo k.o. e Liam ha fatto il resto. Cosa non sono questi due uomini... Vi avviso, questa recensione sarà un po' scivolosa, perché non riesco a smettere di sbavare sul protagonista maschile. Lettore avvisato...

Ammetto che ho rimandato questa lettura perché la trama mi sembrava troppo simile a Bad Romeo: Elissa e Liam si sono conosciuti da giovanissimi, hanno avuto una relazione tempestosa chiusa con una bruttissima rottura e dopo diversi anni si incontrano per motivi di lavoro e la fiamma si riaccende. Ditemi voi se non sembra la fotocopia del primo libro. Beh, sì, le due sinossi si assomigliano molto, ma è giusto la struttura della storia, TUTTO il resto è diverso: il modo in cui si incontrano, la loro storia "giovanile" e la loro situazione sentimentale quando si ritrovano. La trama è ben diversa e non l'ho trovata per niente ripetitiva, quindi se qualcuno di voi nutrisse i miei stessi dubbi iniziali, andate tranquilli.

Quando Elissa e Liam si conoscono hanno solo 19 e 21 anni, lei si vuole iscrivere al Grove per diventare direttrice di scena mentre Liam è un aspirante attore. Peccato che Elissa abbia avuto solo pessime esperienze con gli attori, tutti stronzi egoisti che l'hanno mollata per la loro co-protagonista. Quindi ha deciso che mai più si metterà con uno di loro. Purtroppo per lei Liam è assolutamente irresistibile: è bellissimo, alto e muscoloso, con un corpo temprato dal lavoro fisico, ha due occhi straordinari e una bocca fatta per baciare. La loro intesa sia fisica che mentale è immediata, sembrano le due metà della proverbiale mela. Il destino sembra averli messi l'uno sulla strada dell'altra. Ma lo dico sempre... il destino è un gran bastardo e si diverte a giocare con le nostre vite.
"Vieni da me, anche se non vuoi fare sesso. Parlami. Toccami. Soltanto ciò che ti fa sentire a tuo agio. Però resta con me, ti prego. Non c'è molto tempo, e ho la netta sensazione che avere anche una piccola parte di te sia meglio che avere qualsiasi altra ragazza completamente."
Lo sentite il tono disperato di queste parole? Eh sì, il tempo stringe... Liam viene notato da un agente, che lo porta a Los Angeles dove sfonda come attore ad Hollywood e scompare dal radar di Lissa per sei lunghi anni. Quando lui e la sua fidanzata Angel vengono scritturati per recitare nello spettacolo teatrale di cui lei è la direttrice di scena, Lissa è convinta di poter gestire la cosa. Peccato che appena rivede Liam siano fuochi d'artificio, impossibili da controllare. Ma devono, perché lui è fidanzato e prossimo al matrimonio.

Per chi odia i triangoli, lasciate che vi rassicuri anche sotto questo aspetto. Non è la solita solfa, proprio per niente. Angel all'inizio sembra lo stereotipo dell'attrice viziata e svampita, in realtà è un gran bel personaggio. Così come ho trovato delizioso il migliore amico di Elissa...

Non mentire al mio cuore contiene tutte le caratteristiche che amo in questo genere di romanzo: romantico, sensuale, divertente, emozionante. Ho trovato un paio di punti deboli nella trama ma, come faccio sempre quando tutti il resto è di ottimo livello, ci sono passata sopra alla grande e mi sono lasciata irretire dal fascino di Broadway e di New York, luminosi spettatori di questa dolcissima storia d'amore.

Quattro stelle e mezza


The Starcrossed Series:
#1 Cancella il giorno che mi hai incontrato - QUI la nostra recensione
#1.1 (Bad Romeo Outtakes) - inedito 
#2 Puoi fidarti di me - QUI la nostra recensione
#2.1 (A Very Bad Romeo Christmas) - inedito
#3 Non mentire al mio cuore
#3.1 (Backstage Pass) - inedito

7 commenti:

  1. Bon, settimana scorsa ho letto tutti e tre i libri della serie. Se può essere utile, qui le mie considerazioni:
    "Cancella il giorno che mi hai incontrato" è inverosimile, la protagonista Cassie Taylor è una vergine ossessionata dal sesso, per cui la trama gira intorno a questa pseudo storia d'amore tra lei e il figo della scuola di recitazione che entrambi frequentano, Ethan: cose viste e riviste, c'è di meglio in giro.
    Lettura leggerissima, da sotto ombrellone tra un tuffo e l'altro, insomma. Incredibile ma vero, non paga, l'autrice ha continuato con il 2° romanzo " Puoi fidarti di me", sempre incentrato su Cassie ed Ethan e di cui mi sfugge l'utilità. Spiace dirlo, perchè la Rayven scrive in modo delizioso, l'idea era interessante, ma sviluppata in modo poco coerente e decisamente inverosimile. Con queste premesse e perchè sono cocciuta, ho continuato a dare fiducia all'autrice, pensando che una che scrive in modo così brioso, per la legge dei grandi numeri, prima o poi azzecca il libro giusto. E sono stata ripagata: "Non mentire al mio cuore" è finalmente un romanzo all'altezza della sua bravura.
    Nonostante ci sia comunque uno schema simile in tutti e tre i libri della serie, in quest'ultimo i personaggi sono ben tratteggiati, anche quelli "a contorno", la trama si dipana lentamente così da lasciare finalmente un po' di suspence e il libro si gusta appieno. L'attrazione tra Liss e Liam è credibile e le scene di sesso non sono il fulcro del romanzo, ma lo condiscono bene. Stiamo parlando sempre di una lettura leggera, ma questa volta i tuffi a mare possono aspettare la fine di ogni capitolo :)

    RispondiElimina
  2. Ciao Lucy, grazie delle tue considerazioni! :)
    Io sono di parte perché ho amato la storia di Cassie e di Ethan, di sicuro non per la trama in sé, che come hai giustamente notato anche tu, sa di visto e rivisto, ma per il modo di scrivere di quest'autrice. Se in altre storie simili, trovavo i protagonisti inverosimili, piatti e non mi emozionavano, in questi ho trovato l'esatto contrario. Ci sono alcuni passaggi che mi hanno preso e stritolato lo stomaco in una morsa. Mi è piaciuta moltissimo l'inversione dei ruoli tra Ethan e Cassie, all'inizio lui ferito e lei desiderosa di amare, alla fine lei ferita e lui deciso a riconquistarla. C'è da dire che due libri erano troppi e in alcuni punti ha allungato decisamente il brodo, se li avesse compressi sarebbe stato più incisivo, come questo terzo libro. Che abbia imparato dai suoi errori?
    Comunque sì, letture leggere ma emozionanti, per quanto mi riguarda, che consiglio non solo come lettura da ombrellone. ;)

    RispondiElimina
  3. Ahhh ho il libro in libreria e ancora non sono riuscita a leggerlo, maledette ferie che ancora non arrivano! Non vedo l'ora di leggerlo si era capito xD ps bella recensione! <3

    RispondiElimina
  4. Ciao Alice!
    L'ho letto appena uscito e l'ho recensito un pò di tempo fa, e indovina? Siamo ancora una volta sulla stessa frequenza d'onda!
    Anch'io come te nutrivo qualche perplessità per la somiglianza con la trama di Bad Romeo, ma la Rayven mi ha piacevolmente stupito!
    Che dire poi di Liam? Un amore di ragazzo <3

    RispondiElimina
  5. Ciao Ely, è il libro perfetto da leggere in ferie! Poi dammi sapere se ti è piaciuto. ;)

    Ciao Frency, ahahahahah! Ormai tu nella mia testa sei la gemellina siamese delle recensioni. Potremmo quasi scrivercele a vicenda e nessuno se ne accorgerebbe. XD Corro a leggere la tua recensione. :*

    RispondiElimina
  6. Devo proprio leggere quanto prima questo libro! Il primo o meglio i primi due mi erano piaciuti e confido che questo possa piacermi altrettanto

    RispondiElimina
  7. Ciao Susy! Se i primi ti sono piaciuti penso proprio che apprezzerai anche questo. È più concentrato anche se (per quanto mi riguarda) con picchi emotivi leggermente inferiori.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...