giovedì 24 marzo 2016

Recensione Una passione come nessun'altra di Anne Calhoun (Serie Uncommon #2)


Titolo: Una passione come nessun'altro
Titolo originale: Uncommon Passion
Autrice: Anne Calhoun
Serie: Uncommon #2
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 5 Marzo 2016
Pagine: 212
Punto di vista: terza persona
Livello di sensualità: molto alto

Trama: Dopo aver abbandonato la rigida comunità religiosa che l'ha cresciuta, Rachel è determinata a vivere libera e sperimentare tutto quello che le è stato finora proibito, incluso il sesso. Così partecipa a un'asta per scapoli e si aggiudica per una notte Ben Harris, affascinante ed enigmatico agente delle unità speciali antiterrorismo. Ben è abituato a vivere di pericolo e adrenalina, e quando si rende conto che Rachel è vergine si sente invadere dal senso di colpa, e si offre di educarla alla passione, senza impegni di alcun genere. Ma quanto tempo può passare, prima che l'allieva superi il maestro?

Recensione:
In Italia abbiamo la convinzione che i romanzi da edicola siano libri di serie B, roba da donne frustrate che vogliono leggere di aitanti scozzesi in kilt che salvano la donzelletta in pericolo. Beh, questo non è del tutto falso, ma per favore togliamo l'aggettivo frustrato dalla frase. All'essere umano piace sognare, da che mondo è mondo, che sia donna o uomo. Che poi i maschietti preferiscano i videogiochi dove devono ammazzare più nemici possibili e le donne invece preferiscano immaginare storie d'amore, chi romantiche e delicate, chi di passione bruciante, questo la dice lunga sulle diverse caratteristiche dei sessi. Tutto questo panegirico per dire che, a volte, anche tra i famigerati "harmony" da edicola si possono trovare delle piccole perle.

E' questo il cado di Una passione come nessun'altra, un romanzo classificato come erotico, ma che insieme alle scene bollenti di sesso (e vi assicuro che questo fa davvero venire caldo) ci racconta anche una storia d'amore tormentata, particolare e bellissima. Certo, la trama non fa pensare bene, ammetto che quando l'ho letta, il primo termine che mi venuto in mente è stato "squallido", perché il pensiero che una donna che finalmente assapora la libertà, pensi per prima cosa a fare sesso con uno sconosciuto, mi faceva abbastanza tristezza. Ma la storia non è proprio così e la sinossi, per quanto fondamentalmente corretta, mi aveva fuorviata.

Rachel è scappata dalla comunità religiosa in cui è nata e cresciuta, un posto non così terribile come potremmo pensare. Lei amava curare la casa, i campi e pregare insieme alle altre donne. Ha vissuto un'infanzia tutto sommato serena, per quanto anomala. Crescendo, però, le regole rigide che le impedivano di farsi un'istruzione o semplicemente di esternare quello che provava, hanno iniziato a soffocarla, uccidendo la sua vitalità giorno dopo giorno, per cui ha deciso di andarsene. Una decisione presa con il dolore nel cuore, perché significava anche abbandonare il padre, che lei amava molto. 
"Me ne sono andata soprattutto perché venivo punita quando provavo qualunque cosa. E io volevo sentire. Volevo fare delle esperienze che mi facessero provare delle emozioni."
Dopo sei mesi passati ad imparare come si vive nel mondo esterno, con la sua tecnologia, i cellulari e internet, studiando per colmare le lacune della propria istruzione, si trova a passare l'estate lavorando in una fattoria. Prendersi cura delle pecore è un lavoro che conosce bene e lo svolge con naturalezza e professionalità, attirando la stima del proprietario, un giovane e attraente uomo, che però non le suscita particolare interesse.

Una sera, a una raccolta fondi organizzata dalla fattoria, Rachel rimane folgorata da uno degli uomini che vengono messi all'asta. Non solo per il suo aspetto decisamente attraente, ma soprattutto per il suo atteggiamento disinvolto, sfrontato e naturale, che urla "sono un uomo da una botta e via, ma lo so fare da Dio". Il che è perfetto per raggiungere un altro obiettivo che si è posta davanti: il sesso. Rachel vuole liberarsi della propria verginità in modo piacevole ma senza complicazioni e Ben Harris sembra l'uomo che fa per lei. Soprattutto non deve temere che poi le chieda di nuovo di uscire, perché un legame è l'ultima cosa che cerca, visto che da una marea di legami è appena riuscita a liberarsi.

Peccato che le cose non vadano esattamente come lei si aspettatava... Ben si rivelerà molto di più di quello che lascia trasparire. Dietro il suo sorriso a mille volt strappamutande, nasconde un animo tormentato dai sensi di colpa, ma l'ultima cosa che vuole è che questo venga allo scoperto. Si trincera dietro un'apparenza da libertino bastardo con una determinazione autodistruttiva e tenace. Non permette a Rachel di avvicinarsi e, ogni volta che si sente in pericolo, fa un passo indietro e le ricorda che tra loro c'è una relazione di tipo puramente sessuale.

Rachel è un personaggio straordinario. Si potrebbe pensare che a causa del suo passato sia timida, insicura, remissiva, ma non è così. Ha scoperto a duro prezzo chi è davvero e cosa vuole dalla propria vita e non è disposta a scendere a compromessi, a contaminare quella che ritiene essere la sua anima. Il modo in cui si relaziona con Ben è molto diverso da quello che siamo abituate a leggere nei romance, soprattutto negli erotici. E Ben... amerete anche lui, una volta che piano piano vi verrà rivelato il suo passato.

Una storia profonda, che fa riflettere, ma senza essere pesante o ripetitiva. Il sesso abbonda ed è hottissimo, ma ogni scena erotica ha un risvolto psicologico importante, niente viene messo a caso e tutto ha uno scopo. 
Mi piace come scrive Anne Calhourn, anche se mi hanno fatto notare che c'erano parecchi refusi e la traduzione non è delle migliori. Ammetto che questa volta ero talmente presa dalla storia da non esserne troppo infastidita, e questo dice tanto...
Per concludere, a chi ama le storie con un alto tasso erotico, ma ben scritte, con una trama coinvolgente e dei personaggi indimenticabili, questo romanzo fa per voi, non lasciatevelo scappare.
Quattro stelle

2 commenti:

  1. Questo è il karma: io attento al tuo portafogli, tu alla mia wish list (e portafoglio annesso xD). Sono già mezza innamorata di Ben Harris, non me lo lascio sfuggire! E comunque, oramai lo sappiamo, ci sono "harmony" che sono bellissimi *.*

    RispondiElimina
  2. @Rosa: chi la fa l'aspetti! X°°°D Poi verrò a leggere cosa ne pensi. :D

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...