mercoledì 16 dicembre 2015

Recensione Ricatto di Natale di L.D. Blooms



Titolo: Ricatto di Natale
Autore: L.D. Blooms
Serie: autoconclusivo
Editore: autopubblicato
Data di pubblicazione: 30 novembre 2015
Pagine: 338
Punto di vista: prima persona
Livello di sensualità: molto basso


Trama: Se c’è una cosa che Ivy Winters detesta con una passione tale da renderla la versione femminile più carina del Grinch,quella è la stagione natalizia.  Ivy odia il Natale con tutti e cinque i sensi: dalle canzoni, ai film; dalle decorazioni, alle luci, passando per le pietanze tipiche e le bevande, non c’è una sola cosa che sopporti! Un’infanzia solitaria e durissima, trascorsa a prendersi cura di sé e della sognante e iper-positiva sorella maggiore, Misha, l’ha resa ribelle e irriverente e le ha lasciato un’antipatia smodata per le festività di Dicembre, e per il Governo.
Nicholas Jensen sarebbe un uomo normale, se non fosse una star del cinema famosa in tutto l’universo conosciuto in grado di scatenare un tifone ormonale con il semplice sbattere delle sue ciglia; divide il suo tempo fra Los Angeles e New York e si aspetta di passare Dicembre in modo tranquillo e, chissà, magari anche noioso, ma i suoi piani vanno in fumo quando nella sua vita come un tornado di umorismo sarcastico e pessimista arriva Ivy.
Ma che cosa può aver messo sulla strada del bell'attore dalla vita all'apparenza perfetta una cyber-attivista con una fedina penale lunga un chilometro, i federali sempre alle calcagna, la fastidiosa abitudine di inventarsi parole che non esistono e un bagaglio emozionale così grosso da poter riempire per intero la stiva di un Boeing 747? E perché sono costretti a passare il mese di Dicembre in mezzo al nulla, nella fredda, nevosa e minuscola città di Havenford, Connecticut?
Un ricatto bello e buono e una bimba da salvare in una commedia romantica, divertente e frizzante su cosa NON fare assolutamente nel periodo di Natale.

Recensione:
Lo ammetto, quando ho visto questa cover sono inorridita e sono stata lì lì per chiudere il file e passare a un altro ebook. Ma ho pensato: "Alice, non essere superficiale, a volte l'apparenza inganna". Così ho aperto il file e l'impaginazione fantasiosa, per definirla gentilmente, mi ha fatto scattare un tic nervoso all'occhio. A quel punto la tentazione di eliminare il file dal mio amato kindle è stata davvero fortissima, ma insomma... è quasi Natale e dovremmo essere tutti più buoni, no? Così mi sono violentata e ho iniziato a leggere. Scoprendo con mia assoluta sorpresa di avere tra le mani una perfetta commedia natalizia, di quelle che si leggono volentieri in questo periodo. E miracolo dei miracoli, scritto molto bene e con una incredibile e godibilissima ironia.

Ivy è la reincarnazione in un corpo femminile del Grinch. Dire che detesta il Natale è come dire che a Milano nell'ora di punta c'è un po' di traffico. O che Brad Pitt è un uomo carino. Ivy è la personificazione del pessimismo cosmico e non lo risparmia a nessuno, soprattutto a sua sorella Misha che, al contrario di lei, è sempre sorridente e ottimista e (che ve lo dico a fare) adora il Natale. Come due sorelle, che hanno alle spalle lo stesso terribile passato fatto di orfanotrofi e famiglie affidatarie, possano essere così diverse, seppure molto unite, rimane per me un mistero. Purtroppo, uno stupido litigio le allontana per quattro lunghi anni, fino a che la vita e i suoi tiri mancini non le costringe a riallacciare i contatti. Misha è malata, molto malata, e si vede costretta a chiamare la sorella per affidarle Emma, la sua bambina di soli tre anni.

Il Sistema però, che rappresenta il Male incarnato per Ivy, le impone di trovare una persona che controfirmi l'affido della piccola Emma. Ivy, che è un po' matta, diciamolo, presa dal panico ne combina una dietro l'altra, arrivando a pescare una foto a caso e indicare un emerito sconosciuto come suo fidanzato. A quel punto inizia un folle piano per convincere il malcapitato (che si rivela essere solo solo uno degli attori più famosi al mondo) ad aiutarla ad ottenere l'affido della nipotina. Convinta però che nessuno lo farebbe per buon cuore, Ivy escogita un arzigogolato piano per ricattare Nicholas e obbligarlo così a collaborare. Da qui il titolo.

Da qui in poi, continuano a succederne di tutti i colori, in un susseguirsi di scene che sono un tenero miscuglio di sarcasmo pungente (Ivy), dolce ironia e pacata sicurezza (Nick) e pucciosa allegria (Emma). Il tutto condito, per la gioia della nostra eroina, da addobbi luminosi a profusione e allegri jingles natalizi in modalità repeat. 

Devo dire che, nonostante l'approccio non proprio roseo con questo romanzo e un inizio un po' lento, mi è piaciuto davvero molto. Ho apprezzato lo stile dell'autrice, ironico ma anche emozionante. Ha utilizzato in abbondanza un gergo "americano", tanto che mi è venuto il dubbio che l'autrice abiti effettivamente là, ma che si spiega altrettanto bene con accurate ricerche preliminari. Non pare affatto un'esordiente, nonostante qualche scelta lessicale mi abbia lasciata perplessa. Ho amato i protagonisti, Ivy per le sue assurde idiosincrasie, Nicholas perché è praticamente l'uomo dei sogni, bellissimo, premuroso e dolce, e la piccola Emma, di una tenerezza devastante. Un libro perfetto da regalare (o regalarsi) a Natale. Ma per l'amor del cielo, cambiamo cover!

Il mio voto è: 


P.S. L'autrice ci fa sapere che a breve cambierà la cover! Santa donna! Eccola qui, ve la sveliamo in anteprima. Non è bellissima? E non è scelta a caso... Una delle scene più importanti del libro si svolge su una pista di pattinaggio. 
Mi sono anche accorta che è ai primissimi posti nella classifica Amazon. Complimenti! *.* Tra le altre cose, sarà per tutto Dicembre al prezzo speciale di 0,99 euro. Approfittatene!


3 commenti:

  1. 💓💓💓💓💕
    Grazie mille per una recensione stupenda!

    RispondiElimina
  2. La nuova cover è bellissima! *_*

    RispondiElimina
  3. Vero... è venuta proprio bene *_*

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...