sabato 9 maggio 2015

Recensione di Menage Proibito di Lora Leigh






Titolo: Menage Proibito
Titolo originale: Forbidden Pleasure
Autrice: Lora Leigh
Serie Bound hearts #8
Editore: Leggereditore
Pagine: 420
Data di uscita: 26 luglio 2012
POV: terza persona
Livello di sensualità: molto alta







Trama: Ci sono donne che non arretrano di fronte ai propri limiti e osano andare incontro alle fantasie più nascoste. Per amore si è disposti a tutto, ma fin dove riuscirà a spingersi Keiley? Il suo è un matrimonio perfetto, basato sulla complicità, il rispetto, la passione. Ma c'è qualcosa che suo marito non ha mai osato dirle... Due uomini e una donna: il regno incontrastato del piacere femminile. Una fantasia allettante ma pericolosa, proibita come le parole che non osiamo confessare. Soprattutto quando si è felicemente sposati e si ha tutto ciò per cui abbiamo sempre lottato. E se fosse nostro marito a chiederci di spingerci oltre? Di attraversare porte che si aprono su un orizzonte sempre più vasto? Keiley inizia un viaggio che la porterà ad assaporare la vertigine del sesso che fa perdere i sensi e scuote l'anima. Ad accoglierla ci saranno i sentieri più sensuali del desiderio, ma anche le contraddizioni dell'amore, della possessione, e lo spettro ostile della gelosia

Pagina facebook dell'Autrice
Sito della Casa Editrice


COMMENTO: 
Quale piacere potrebbero scatenare due uomini votati alla soddisfazione della stessa donna? 
Questo è il filo conduttore della fortunata serie di Lora Leigh Bound Hearts, edita dalla Leggere Editore. La serie, tra novelle e romanzi, è composta da 12 libri e in ogni storia c’è una coppia principale e un terzo, il cui unico scopo è quella di rendere reale la fantasia più diffusa tra le donne: fare l’amore con due uomini contemporaneamente. Il tutto avviene all'interno del Sinclair Club, un esclusivo ritrovo per soli uomini che hanno in comune la passione per il menage, sia che debbano trovare un terzo per la propria compagna, sia che si prestino a questo gioco per un’altra coppia.


Ho letto tutti i libri usciti in Italia e devo dire che le mie sensazioni spaziavano dal comico alla noia: d'altronde come si fa a non ridere quando si legge di una tizia che si svergina con un vibratore?   O come si fa a non sbadigliare quando le performance sessuali superano il resto del narrato? Ma c’è un libro in mezzo a questa accozzaglia di sesso mediocre che mi ha colpita, stregata e conquistata per sempre, tant’è che ogni tanto rileggo le parti più belle. E probabilmente questa reazione è comune a tantissime altre donne se il romanzo è stato ristampato in questi giorni, per l’ennesima volta. Parlo di Menage Proibito.


Cosa lo differenzia dal resto della serie? I sentimenti, perché qui il terzo non ha la sola funzione di “bambolotto gonfiabile”, non è una figura labile che entra ed esce dalla camera da letto, ma è il miglior amico di Mac, il protagonista del libro, nonché marito di Keiley. Jethro è il classico eroe bello, tormentato, con un passato oscuro, che vive con la certezza di non essere all’altezza di nessuno, tant’è che quando incontra Keiley e se ne innamora preferisce che sia Mac a sposarla e a renderla felice. Mac, con il quale ha sempre condiviso le sue donne, diventando uno l’estensione dell’altro. 

E chi non vorrebbe trovarsi nei panni di Keiley? E' una donna forte, professionalmente indipendente, sicura del proprio matrimonio, che si vede piombare nella sua vita un maschio bellissimo, incazzato con il mondo e con il testosterone a palla che vuole sfogare su di lei, insieme all'altrettanto affascinante marito. Keiley resiste, almeno per un po' bisogna dargliene atto, ma poi anche la più puritana tra noi avrebbe capitolato, quando è troppo è troppo. Ma è proprio la  situazione più proibita a dare più piacere. 

E Lora non si trattiene di certo nelle descrizioni o nell'uso del linguaggio crudo, infarcito di termini espliciti che hanno reso bene l'idea delle varie posizioni di braccia, gambe e.. tutto il resto.
Ma il fattaccio non si risolve solo sul piano fisico, ed è questo che rende il libro diverso dagli altri, perchè Mac, Keiley e Jethro sono legati da ben altro che sesso selvaggio, alla fine del quale ci si lascia con una stretta di mano e un "è stato un piacere, rifacciamolo qualche volta".

Perchè Mac è il miglior amico di Jethro, lo conosce da una vita e ha condiviso con lui non solo le donne, ma anche il lavoro. Mac ama Keiley, lei tira fuori la sua parte migliore e Keiley ama Mac in maniera altrettanto completa, ma in passato è stata attratta da Jehtro e Jehtro.. ha amato Keiley. Ed è da questo contorno intersecare di sentimenti vecchi e nuovi, intensi e più leggeri, che nasce un amore unico diviso tra tre persone.

Tanto che quando si giunge alla fine non si trova nulla di strano nel vedere Mac, Keiley e Jethro seduti sul divano, proprio in questa sequenza e il fatto che vivranno insieme come una felice coppia sposata è quello che in fondo ci si aspettava, ma soprattutto quello in cui si sperava.

Storia impossibile? Può darsi, anche se di dinamiche simili ce ne sono state parecchie anche in passato, basti pensare alla nobile coppia composta da Lady Hamilton e consorte che per parecchi anni ha convissuto allegramente con l’Ammiraglio Nelson. Quello che trovo impossibile è che due maschi alfa riescano a condividere la stessa donna al di fuori della lenzuola, è un po’ come mettere due galli in un pollaio, finirebbero per ammazzarsi. Ma il bello della Leigh è proprio questo, ci propina favolette erotiche dove ci è permesso sognare per un attimo che le fantasie più perverse possano diventare realtà.

Almeno finchè non si chiude il libro.



Il mio giudizio è

2 commenti:

  1. Io sono una patita di triangoli amorosi in cui ci si scanna e mi ricordo che quando invece lessi di Mac e Jethro che andavano d'amore e d'accordo come due soulmates mi vennero di brividi di repulsione xD ahahahahahahahahahah almeno un pizzico di rivalità ci deve essere, sennò che triangolo è >.<

    RispondiElimina
  2. La serie parla del menage a trois, che è l'elemento portante di tutti i libri. I protagonisti maschili sono soci di un club che ama quel tipo di sesso, per cui se ci fosse rivalità sarebbe un controsenso. In questo romanzo poi le dinamiche sono ancora più particolari, perchè Mac vuole fortemente Jathro come terzo per motivi che vanno oltre il lato carnale. Insomma, se ci fosse la rivalità che dici te si snaturerebbe la storia, ma d'altronde il volere la competizione è questione di gusti.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...