mercoledì 13 maggio 2015

Film: Shadowhunters. Città di Ossa




In queste ultime settimane è partita l'ossessione globale per la serie Shadowhunters. ABC Family sta per iniziare le riprese della serie TV e i gruppi su Facebook spuntano fuori come funghi dopo una giornata di pioggia. Con tutto questo gran parlare ho rispolverato nei meandri della memoria da anziana che mi ritrovo la lettura del primo romanzo, Città di Ossa, e la visione dell'omonimo film.
Aimé, mi ricordavo poco del film e praticamente nulla del romanzo, così mi sono decisa a fare i compiti per essere pronta prima della messa in onda

Cos'è questa serie, quali sono i romanzi da cui è tratta, di cosa parla? Ma soprattutto...com'era il film?

La sera in cui la quindicenne Clary e il suo migliore amico Simon decidono di andare al Pandemonium, il locale più trasgressivo di New York, sanno che passeranno una nottata particolare ma certo non fino a questo punto. I due assistono a un efferato assassinio a opera di un gruppo di ragazzi completamente tatuati e armati fino ai denti. Quella sera Clary, senza saperlo, ha visto per la prima volta gli Shadowhunters, guerrieri, invisibili ai più, che combattono per liberare la Terra dai demoni. In meno di ventiquattro ore da quell'incontro la sua vita cambia radicalmente. Sua madre scompare nel nulla, lei viene attaccata da un demone e il suo destino sembra fatalmente intrecciato a quello dei giovani guerrieri. Per Clary inizia un'affannosa ricerca, un'avventura dalle tinte dark che la costringerà a mettere in discussione la sua grande amicizia con Simon, ma che le farà conoscere l'amore.

Tutto sommato, considerando che avevo zero memoria della trama, il film è molto godibile, giovane e piacevole. Nella trama ci sono un paio di punti che ti lasciano confusa ma niente che ti freni o che ti faccia scattare la molla del fastidio. Purtroppo, però, non ha avuto il successo sperato e il seguito non hai mai visto la luce. Mi è dispiaciuto non poter proseguire la visione della saga sul grande schermo, ma da una parte sono contenta che ci sia un nuovo progetto, un nuovo format e un casting completamente diverso.

Chi ha una memoria più fresca della mia saprà dire se ci sono stati grossi cambiamenti nella trama eppure io, che l'ho visto a mente aperta, confermo la mia impressione iniziale.
Il film si apre divertente, con i personaggi fedeli al romanzo così come la storia, poi prosegue con un bel ritmo. Il susseguirsi delle scene e della storia fa scorrere il tempo e non ci si annoia mai.
Verso la fine comincia il tentennamento: l'arrivo sulla scena di Valentine (mamma mia Jonathan...che panza!), la contorta questione della parentela di Jace e questa benedetta coppa che non ho ancora capito a cosa serve mi hanno confusa e, se non avessi avuto la mia fedele amica Morwen a portata di Whatsapp, mi sarei persa del tutto.

La cosa più interessante di cui parlare è il cast. Considerando che la serie ABC ha cambiato totalmente gli attori, posso sfogarmi senza sentirmi in colpa. 

Clary è interpretata da Lily Collins. Clary ha 15 anni e la Collins ha un bel visino da ragazzina, non ha l'aspetto della femmina adulta - anche se quegli stivalacci da passeggiatrice...aiuto! - e i suoi capelli rossi spuntano fuori solo con la luce diretta. Eppure a me la Collins è piaciuta, mi ha convinta anche nei momenti meno felici del film e mi ha soddisfatta sicuramente più di Jace.
E qui veniamo alla nota dolente: Jace è il personaggio maschile più importante della serie, quello che è il batticuore di Clary, il figo di turno, l'irresistibile, incommensurabile, supersexy eccetera eccetera, MA l'attore che lo interpreta - beato ragazzo non ho nulla contro di te - non mi piace.
Non mi piace fisicamente, cosa ci posso fare? Ha la testa strana! Sembra scheletroso, secco, una mummia vivente, con quelle ossa sporgenti, i capelli tutti indietro e la faccia lunga da rettile. Per non parlare della fisicata! Muscoli? Dove sono? Io ho visto solo costole sporgenti, qualche fascio di muscoli solo per la posa in tensione e una postura ingobbita che me lo hanno fatto vedere ancora di più come uno scheletro ambulante.
Ma guardate quelle spalle? Sono più muscolosa IO!
Invece la ABC ha scelto LUI:
di cui abbiamo già parlato nel film Vampire Academy. Dominic, ho fede nella tua tartaruga!
Poi, per carità, ognuno ha i suoi gusti e questo ragazzo è sicuramente più bello della media. In certe scene era quasi bello. Quasi. Ma non esageriamo!

Gli altri personaggi secondari - mi dicono - sono tutti piuttosto riusciti con un exploit per Magnus Bane che pare sia perfetto. Simon è interpretato da un attore che conosco e che ADORO Robert Sheehan (Misfits gente!): gli ha regalato un'interpretazione bella, professionale e liscia e pulita. Bravo. Alec e Isabelle compaiono talmente poco che non sono riuscita a farmene un'idea, mentre Lena Hadley (dove c'è Lena c'è incesto!) interpreta Jocelyn,la mamma di Clary.
Un'altra mia conoscenza dalla BBC, Aidan Turner (Beign Human, Poldark, Lo Hobbit) interpreta Luke, l'amico/lupo mannaro/padrino di Clary; Jonathan Rhys-Meyers interpreta il cattivo Valentine e, a parte le sue sopracciglia strane e la panzetta che spunta fuori, è sempre un bravissimo psicopatico.

In breve: consiglio di vedere questo film?
Ragazze, se vi piace il genere fantasy con target young allora non dovete perderlo, nonostante le differenze con il libro.
Per una serata diversa e rilassante persino le costole sporgenti di Jace vanno bene.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...